Più di 6.500 evacuati

Russia: esplode poligono militare sul Volga

[19 giugno 2013]

Il ministero delle situazioni di emergenza (Msu) russo ha annunciato oggi che «Circa 6.500 abitanti della città di Tchapaïevsk (Regione di Samara; Volga) sono stati evacuati in seguito all’eslosioni di munizioni in un poligono militare.

Le esplosioni nel poligono sono iniziate ieri sera ed avevano costretto ad evacuare completamente i 250 abitanti del piccolo villaggio di Nagorny est ach, che erano stati portati proprio a Tchapaïevsk, a 34 km a sud di Samara ed alloggiati nelle scuole della città.

Subito le autorità russe avevano detto che le esplosioni sarebbero proseguite ma che non avrebbero minacciato gli abitanti delle località vicine al poligono, poi è arrivato l’ordine di sgombero immediato anche a Tchapaïevsk.

34 persone avrebbero fatto ricorso a cure mediche e 11 sono state ospedalizzate.

La micidiale catena di esplosioni potrebbe essere stata causata da un incendio forestale oppure dalla calura che da giorni soffoca gran parte della Russia europea e Ria Novosti cita fonti delle forze dell’ordine regionali secondo le quali l’incendio e le esplosioni potrebbero proseguire per almeno altri tre giorni.

Il Msu dice che «Circa 1.100 persone sono attualmente coinvolte nella lotta contro le conseguenze delle esplosioni avvenute nella regione di Samara. Inoltre, due aerei Be-200 ed un  Iliuscin Il-76 del Msu sono stati inviati sul posto».