Lettera del Rojava kurdo alla sinistra europea: «Ci avete lasciati soli di fronte ai fascismi»

I partiti occidentali, il socialismo, l’interventismo e la guerra dei kurdi contro lo Stato Islamico

[14 ottobre 2014]

Mentre i kurdi del Rojava-Kurdistan Occidentale siriano stanno sferrando con successo una controffensiva contro i miliziani dello Stagto Islamico che hanno circondato la città di Kobane occupandone alcuni quartieri, Kurdish Question ospita un editoriale di Yasin Sunca  (Kobane, socialism and the question of intervention: the mistery of the left in Europe) che critica ferocemente l’atteggiamento “neutrale”, non interventista,  della sinistra europea verso il fondamentalismo islamico- Non ci si può certo aspettare che un intellettuale kurdo, figlio di una storia di lotte disperate, sia pacifista, ma quanto scrive Sunca tocca alcuni nervi scoperti (o forse coperti) del mancato dibattito in quel che resta della sinistra europea sull’eroica resistenza della sinistra kurda contro le milizie islamo-fasciste del Daesh/Stato Islamico. Per questo ve lo proponiamo integralmente: 

Quando l’’ISIS ha cominciato ad occupare le prime pagine dei quotidiani in Europa, gli stati imperialisti occidentali hanno iniziato a parlare della legittimità della guerra contro le azioni orribili dell’ISIS, delle quali condividono anche la responsabilità.

Era ancora il caso per un nuovo intervento imperialista, ma questa volta contro l’ISIS, i nemici dell’umanità. La sinistra in Europa, che in precedenza non si era quasi mai interessata dei massacri effettuati dall’ISIS, è ferocemente contraria all’idea di un intervento secondo un’interpretazione tradizionale del socialismo. E’ pienamente comprensibile opporsi all’idea di un intervento militare, ma, qual è l’alternativa? Il silenzio?

Che cosa è ISIS?

ISIS, noto anche come ISIL o IS, ha beneficiato della situazione politica e militare complessa e intensa nella regione ed ha auto-dichiarato uno Stato islamico nelle regioni a predominanza arabo-sunnita di Iraq e Siria. Hanno attaccato ferocemente qualsiasi gruppo e manifestato forme di violenza molto brutali in nome dell’Islam. Decapitazioni di “kufars”, stupri e riduzione in schiavitù delle donne, fucilazioni di massa e vari  tipi di manifestazioni di violenza sono diventate le immagini ordinarie provenienti dall’Iraq e dalla Siria. Dall’ISIS sono state date tre opzioni a coloro che non sono musulmani sunniti: convertirsi all’islam, pagare la jizya (l’imposta che grava sui gruppi religiosi diversi da quello “ufficiale”) o essere uccisi. Di fronte a questa brutalità, molti d sono emirati verso i paesi confinanti. In Mesopotamia l’ISIS sta violentando i naturali valori umani e il mondo occidentale ha solo assistito a tutto come se fosse un film diretto da un famoso regista, continuando a parlare del nuovo “film” e convincendosi di  “come è barbaro il resto del mondo”.

L’ISIS e gli altri gruppi jihadisti non sono nuovi e non sono venuti dal “nulla”. Hanno attaccato i kurdi per almeno due anni durante i quali i kurdi hanno cercando di arrivare ai “pragmatici” e “razionali” “decision maker”, al fine di evidenziare quanto fossero pericolosi per il futuro del mondo intero. Tuttavia, proprio come è accaduto molte volte, l’Occidente ha cominciato a parlare di questa crudele organizzazione dopo che ha  decapitato giornalisti americani e britannici e messo tutto on-line. Non è certamente accettabile quello che hanno fatto ai giornalisti; eppure, non avremmo assistito ad una scena del genere se i “decision maker” avessero preso anche solo  in considerazione solo ciò che i kurdi hanno affrontato e stanno ancora affrontando. Non sorprende che anche la sinistra europea abbia ignorato la minaccia jihadista nella regione e la strada che potrebbero prendere gli sviluppi. Vale la pena di ripeterlo alla sinistra ancora una volta: queste bande violentano i valori del genere umano, compresi i valori della lotta rivoluzionaria.

Miseria dei partiti tradizionali e delle  organizzazioni di sinistra

Ci possono essere semplicemente centinaia di motivi per cui la sinistra deve opporsi e reagire contro l’ISIS e quello che hanno fatto alle persone innocenti nel corso negli ultimi due anni. Tuttavia, coloro che suppongono di parlare contro l’ISIS, in primo luogo i partiti e le organizzazioni di sinistra,  non sono semplicemente riusciti ad avere un approccio globale, non sono neanche in grado di capire cosa sta succedendo esattamente e, purtroppo per loro, sono bloccati l’interpretazione ortodossa del socialismo contro l’imperialismo. Hanno ancora una volta intrapreso la via marginale della colpa loro rispettivi governi in quanto imperialisti, il che in realtà, non significa quasi nulla, sia per il governo che per  la società.

Nel caso specifico della resistenza dei kurdi in corso nel Rojava (Kurdistan siriano) le the Popular Protection Units (YPG) stanno resistendo sia contro gli attacchi brutali dei jihadisti che le aggressioni militari del regime siriano. I kurdi, per motivi molto convincenti e comprensibili, non hanno optato né per la cooperazione  con il regime né con i principali gruppi di opposizione. Il regime ha oppresso i Kurdi, tra gli altri, per un tempo molto lungo e, quindi, era impossibile per i kurdi andare avanti con il regime politico. Tuttavia, di fronte a difficoltà politiche e militari nel contesto della guerra in corso, è comprensibile che il regime abbia deciso di concentrarsi sulle aree strategiche nella sua  guerra con i gruppi di opposizione, non hanno effettuato pesanti offensive militari contro gli auto-dichiarati Cantoni Kurdi, rispetto ad altre regioni del Paese. Inoltre, l’istituzione dei cantoni kurdi nel Rojava porrebbe alcuni problemi alla Turchia che, a parole, è stata tra i paesi più critici contro il regime siriano. Quindi, possiamo parlare di una convergenza politica tra il regime e i kurdi, piuttosto che di un accordo strategico motivato. Inoltre, i kurdi non avrebbero potuto con l’opposizione siriana collaborare in linea di principio ed a causa di due questioni fondamentali. Primo, l’opposizione araba non ha riconosciuto alcun diritto collettivo dei kurdi e rimandato tutte le richieste kurde ad un probabile periodo post-Assad.  Secondo, l’opposizione araba non aveva una chiara agenda per il futuro della Siria. La questione se fosse una nuova dittatura o una democrazia non ha una risposta chiara e convincente ed i kurdi sono rimasti scettici circa la volontà dell’opposizione in materia di democratizzazione.

Considerato tutto questo background, i kurdi hanno optato per una terza linea politica ed ahanno iniziato a realizzare i loro cantoni con una nuovo accordo democratico, comprensivo di tutte le diverse fazioni della popolazione. I Cantoni curdi non hanno mai effettuato alcuna offensiva nei confronti di qualsiasi gruppo a meno che non fossro oggetto di un attacco militare. L’attuale resistenza del cantone di Kobane è dovuta al brutale attacco dell’ISIS jihadista ed è una guerra di autodifesa. I kurdi stanno portando avanti un esperimento socialista in Medio-Oriente, una delle regioni più difficili del mondo, e la sinistra internazionale è ugualmente responsabile della protezione di questo emergente speranza socialista. Questo esperimento ha bisogno del sostegno incondizionato dei socialisti del mondo e della solidarietà internazionalista. (Per coloro che sono interessati al nuovo modello in Rojava qui è disponibile un articolo online: http://roarmag.org/2014/07/rojava-autonomia-siro-kurds/)

Tuttavia, i partiti ed i gruppi di sinistra i in Europa sono ben lungi dal capire cosa sta succedendo esattamente in Kurdistan ed a Kobane, né hanno alcun piano per comprendere lo sfondo ideologico dei Cantoni Rojava.  Devono ammettere che non sono stati in grado di capire la terza linea politica e, proprio come hanno fatto i media mainstream, hanno messo i kurdi con il regime di Assad, nonostante il fatto che i kurdi abbiano chiaramente dichiarato e dimostrato praticamente un miliardo di volte che sono un gruppo di opposizione. Hanno continuato ad accusare i kurdi di essere vicini al regime. Inoltre, alcuni altri gruppi hanno adottato un approccio restrittivo e hanno sostenuto che se i kurdi non sono con Bashar al-Assad, allora devono stare con l’opposizione. Ma si dovrebbe ricordare alla gente il fatto che essere contro il regime non significa automaticamente accettare tutte le analisi e le proiezioni della linea principale dell’opposizione in Siria. Inoltre, l’opposizione mainline contro il regime in Siria è supportata anche dagli “imperialisti”. Quindi, i kurdi hanno chiaramente capito che  il posto giusto per  rimanere dritti era una terza linea.

La maggior parte dei gruppi di sinistra hanno iniziato a prestare attenzione alla questione solo dopo che la coalizione internazionale ha dichiarato che sarebbero stati effettuati attacchi aerei contro l’ISIS. Nonostante la crisi umanitaria in corso in Kurdistan, questi gruppi hanno chiuso un occhio sulla questione e, come sempre, il loro ordine del giorno è stato fissato ancora una volta dagli imperialisti. Avrebbero potuto essere solidali con i popoli della regione e con l’unico esperimento democratico-socialista in Medio Oriente. Avrebbero potuto aumentato la consapevolezza riguardo alla minaccia dei gruppi jihadisti prima che venissero macellati gli Yazidi della regione di Sinjar (Shengal) dell’Iraq e della minaccia del massacro a Kobane. E’ chiaro che la maggior parte di quei partiti e gruppi di sinistra sono molto dipendenti dal paradigma “stato-centrico” ​​e non hanno una loro agenda la capacità di prevederla. Rimanere in silenzio sulla questione dei jihadisti per loro è anche un vantaggio. L’opinione pubblica europea è scettica  sui musulmani e questo scetticismo viene strumentalizzato dalla maggior parte dei partiti populisti di destra. Tuttavia, quando la sinistra analizza la questione dell’Islam in Europa, dovrebbe chiaramente distinguere l’Islam come una religione dall’Islam come regime jihadista politicamente motivato. La maggior parte dei gruppi di sinistra in Europa non riescono a compere questa separazione.

Quando sono stati interessati dall’intervento militare, i partiti parlamentari di sinistra hanno votato “no” ad un intervento militare ed i gruppi extra-parlamentari hanno protestato contro l’intervento militare. Io personalmente, non sono mai stato a favore di qualsiasi tipo di intervento militare e non lo sarò mai. Tuttavia, ci sono un paio di domande a cui rispondere in questo senso. I kurdi vengono uccisi soprattutto dalle armi dei Paesi occidentali che sono state prelevate dall’ISIS dagli arsenali del governo centrale irakeno e quelli del Free Syrian Army che era stato rifornito dai Paesi della NATO. Quindi, non c’è una responsabilità oggettiva degli stati imperiali occidentali per i popoli del Medio-Oriente che vengono massacrati con le loro armi? Non dovrebbero i partiti di sinistra sentirsi responsabili di ricordare ai loro governi questa responsabilità? Qual è l’alternativa ad un intervento militare che questi partiti possono suggerire da una prospettiva di sinistra? Che cosa possono fare questi gruppi di sinistra, mentre i curdi vengono massacrati dai terroristi dell’ISIS? E un ultima domanda: Perché i partiti di sinistra non si sono interessati della questione curda in Siria prima dell’intervento militare della coalizione? Non c’è una risposta per evitare una sola di queste domande, ma concentrarsi ulteriormente su queste questioni è vitale ed essenziale. Inoltre, diversamente dal discorso antimperialista tradizionale, queste domande meritano di essere riconsiderate  e riconcettualizzate dalla prospettiva della sinistra in Europa. In caso contrario, questo servirebbe a nient’altro che a continuare in questa miseria.

I curdi stanno sperimentando nel Rojava  un nuovo modello democratico-socialista che ha bisogno del sostegno e della solidarietà della sinistra europea. Eppure, come socialisti kurdi che vivono in Europa, siamo stufi delle infinite discussioni senza passi concreti con i gruppi di sinistra. Sulla questione della solidarietà internazionale, la sinistra europea è in un ciclo di disperazione, che la porta ad una misera prospettiva, dal quale dovrebbe sbarazzarsi senza ulteriori ritardi.