Maltempo: grossi danni alla Riserva del Chiarone, sul Lago di Massaciuccoli. Appello Lipu

[23 settembre 2014]

Camminamenti e capanni di osservazione distrutti, aggallati e porzioni di palude staccate e spostate. Un evento di pochi minuti ha cambiato la geografia del luogo, e ora serve l’aiuto di tutti per ripristinarlo

La violenta grandinata e la tromba d’aria che lo scorso venerdì hanno colpito la Toscana hanno provocato danni ingenti anche nel territorio compreso nel Parco di San Rossore-Migliarino-Massaciuccoli, in particolare alla Riserva del Chiarone, sul Lago di Massaciuccoli.

Lo comunicano i volontari dell’Oasi Lipu di Massaciuccoli, che hanno documentato gli effetti disastrosi dell’evento per il lago e l’ecosistema che ospita. Ad essere colpiti sono stati i camminamenti, un capanno di osservazione e la stessa palude che ha subito un distacco e lo spostamento di 15.000 mq di aggallati.

“La tromba d’aria che con acqua, vento fortissimo e tanta grandine ha interessato la sponda orientale del lago e quindi la Riserva intorno alle 11.30 ha causato un bel po’ di disastri alle strutture dell’Oasi e allo stesso ambiente palustre fino a cambiare la geografia stessa del luogo”, spiegano i volontari.

“La forza del tornado ha staccato un pezzo di palude di circa 20.000 mq spostandolo verso Ovest di circa 100 m, portandolo ad ostruire l’uscita del canale del Porto che al momento non risulta più accessibile se non con i piccoli barchini da palude. La parte di palude che si è staccata – dicono ancora – ospitava l’ultima sfagneta del Lago in buono stato di conservazione, oltre ad essere l’unica visitabile grazie al sistema di camminamenti a palafitta del percorso dell’Oasi”.

Dalla Lipu di Massaciuccoli riportano poi che il movimento della sponda ha fatto inclinare di circa 30° un tratto di circa 80 m degli stessi camminamenti ed il capanno Swarovski, che è un punto di osservazione per gli uccelli. Questo tratto e il Inoltre “ulteriori 40 m di camminamento se ne sono andati con la porzione staccatasi.
La tromba d’aria ha inoltre portato via due grossi aggallati, uno di 5000 mq e l’altro di 10.000 mq, che si sono andati ad appoggiare a Torre del Lago. Altri spostamenti di porzioni di palude si sono registrati lungo tutta la sponda Est del Lago, compresa un’altra porzione ospitante una sfagneta”.

L’ammontare dei danni, spiegano non è ancora quantificabile, “ma possiamo ipotizzare diverse decine di migliaia di Euro per quanto riguarda le strutture, oltre agli interventi necessari alla messa in sicurezza della sponda e al ripristino della navigabilità”.

Prioritario sarà quindi l’intervento con i rimorchiatori, “per provare a riposizionare la porzione di palude staccata così da ripristinare la navigabilità del canale del Porto e mettere in sicurezza la sfagneta”. Dopo si potrà procedere al ripristino dei manufatti e sarà necessario l’aiuto di tanti volontari.

Per coloro che vogliano effettuare una donazione ecco le coordinate:

CCPT 11786563 intestato a LIPU Oasi Massaciuccoli, Via del porto 6, Loc. Massaciuccoli 55054 Massarosa (LU)

codice IBAN: IT68 B076 0113 7000 0001 1786 563 causale: RIPRISTINO CHIARONE

 

da www.paginaq.it

Videogallery