Mondiali di ciclismo: Arpat monitorizza l’impatto dell’evento sulla qualità dell’aria

[10 settembre 2013]

Cresce la fibrillazione tra gli sportivi per l’avvicinarsi dei Mondiali di ciclismo che si terranno in Toscana nella settimana tra sabato 21 a domenica 29 settembre 2013. E di pari passo cresce anche la preoccupazione dei cittadini, in particolare di quelli residenti a Firenze, dove è previsto l’arrivo delle 12 gare, per i disagi certi che dovranno sopportare, nonostante i preventivi accorgimenti che il Comitato organizzatore e l’amministrazione comunale hanno messo e stanno mettendo in campo.

Un evento sportivo di tale rilievo internazionale (che porta anche benefici economici per la Toscana, vedi ad esempio l’incremento delle presenze turistiche), sicuramente produrrà effetti significativi anche sulla mobilità delle persone, in considerazione delle difficoltà per la circolazione stradale che ci saranno, per l’afflusso di visitatori previsti, per le modifiche nelle abitudini negli spostamenti che necessariamente si verificheranno.

Per quanto riguarda la qualità dell’aria e la presenza di pollini, Arpat,  per tutta la durata dell’evento, fornirà notizie consultabili sul sito dell’Agenzia (www.arpat.toscana.it ), dove sarà predisposto nella home page un apposito  banner. Cliccando sul banner, sarà possibile raggiungere specifici bollettini relativi alla zona maggiormente interessata (l’area metropolitana Firenze-Prato-Pistoia), che saranno disponibili tutti i giorni (anche il sabato e la domenica).

«Alla fine dell’evento, poi, per contribuire alle valutazioni che si dovranno fare sugli effetti che questa iniziativa avrà sulla vita delle nostre città, sarà confrontata la qualità dell’aria registrata in questo periodo con quella di una settimana di settembre tipica» hanno sottolineato da Arpat.