Riceviamo e pubblichiamo

Se sulla Brebemi corrono tante auto quante in una strada provinciale

[22 luglio 2015]

autostrade brebemi

Fa piacere sapere che il traffico su BreBeMi aumenta, perché nulla è più deprimente di vedere inutilizzata un’opera immensa, fortemente impattante e con carico pesante e crescente sulle casse pubbliche. Se c’è,  almeno funzioni. Ma le buone notizie finiscono qui.

Con una capacità di 120 mila veicoli giornalieri e previsioni per 60 mila, le “punte” di 38 mila veicoli nei giorni feriali non possono considerarsi un successo e neppure l’avvio di un riequilibrio autonomo (con i pedaggi e senza aiuti di Stato) dei conti di Brebemi. Insomma 38 mila veicoli, quando si raggiungono, visto che sono le punte di traffico di una strada provinciale. I saldi del 45% delle tariffe nel week end sono la plastica dimostrazione che la domanda di traffico  è ancora modesta. La caratteristica dei veicoli che utilizzano l’A35 è residenziale/pendolare con percorrenze kilometriche limitate, vanificando cosi la modesta crescita di veicoli. Modesta perché il punto di partenza era bassissimo. L’apertura della  Teem  ha sì fatto aumentare leggermente il traffico per Brebemi, ma ha creato una nuova autostrada che non si ripagherà mai da sola con i pedaggi, visto quanto è costata (1,8 Mld).

Ora, per recuperare traffico, Brebemi propone una nuova opera: il collegamento con l’A4 a Castegnato. Nuovi enormi costi con il miraggio che basti aggiungere solo un nuovo anello mancante, ma cosi si posticipa il problema, il debito che non si ripagherà mai cresce. Il territorio diventerà una gruviera per inseguire il riequilibrio finanziario di una concessionaria autostradale controllata da Gavio e da Banca Intesa. Proprietà che controlla anche la Teem e la CentroPadane e sta pensando esclusivamente ad ampliare la sua rete nella bassa pesando sulle casse pubbliche.

di Dario Balotta, responsabile trasporti Legambiente Lombardia