Il ministro Galletti: «Ambiente marino più protetto, più ampia offerta di turismo sostenibile»

Quattro nuove aree marine protette in Puglia, Marche, Sicilia e Sardegna. Al via l’iter per la istituzione (Fotogallery)

[7 giugno 2014]

 

Il ministero dell’ambiente a ha dato il via libera all’ampliamento della tutela dei litorali italiani: saranno  istituite 4 nuove aree marine protette (Amp) che vanno ad aggiungere alle 27 già esistenti. Infatti, in  attuazione di quanto previsto nella legge di stabilità 2014, il ministero dell’ambiente ha avviato l’iter per la creazione delle Amp del Conero, sul litorale adriatico vicino ad Ancona, di Torre Calderina in Puglia sulla costa barese tra Bisceglie e Molfetta, di Capo Testa-Punta Falcone, in Sardegna accanto a Santa Teresa di Gallura, e di Capo Milazzo in Sicilia.

Il ministro ha convocato per il 18 e 19 giugno le Regioni Marche, Puglia, Sardegna e Sicilia e le amministrazioni locali interessate all’istituzione delle Amp per l’avvio del procedimento istitutivo.  Le attività istruttorie di carattere scientifico e gli studi relativi alle aree interessate saranno svolti, per il Ministero, dall’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (Ispra).

Annunciando la cosa ilministro dell’ambiente, Gian Luca Galletti, ha detto: «Il vero tesoro italiano è la sua grande bellezza e varietà naturale e paesaggistica, la suggestione del suo mare e delle sue coste. Integrare questo tesoro con quattro nuove gemme significa innalzare il livello di protezione del nostro ambiente ma anche ampliare l’offerta del turismo sostenibile italiano con nuove mete di enorme interesse, capaci di stimolare iniziative e attività di crescita economica e occupazionale per queste aree, qualificando ulteriormente la proposta ambientale del sistema-paese».