Nuove classi energetiche per le etichette dei forni e le cappe da cucina

[31 gennaio 2014]

Le etichette energetiche dei forni e delle cappe da cucina per uso domestico conterranno nuove informazioni. Al fine di garantire che le etichette energetiche forniscano incentivi dinamici ai fornitori per migliorare ulteriormente l’efficienza energetica di tali apparecchi e per accelerare il passaggio del mercato a tecnologie efficienti sul piano energetico, l’Ue pubblica sulla Gazzetta ufficiale europea di oggi il relativo regolamento. Un regolamento che integra la direttiva relativa all’indicazione del consumo di energia e di altre risorse dei prodotti connessi all’energia, mediante l’etichettatura e informazioni uniformi relative ai prodotti (direttiva 2010/30/Ue).

Un regolamento che stabilisce i requisiti per l’etichettatura e la fornitura di informazioni complementari per forni a gas ed elettrici per uso domestico (anche quando integrati nelle cucine) e per cappe da cucina elettriche per uso domestico, anche quando venduti per scopi non domestici. Ma non per i altri tipi di forni come quelli alimentati da fonti diverse dall’energia elettrica e dal gas compresi quelli progettati per essere utilizzati unicamente con gas appartenenti alla “terza famiglia” (propano e butano), quelli che offrono una funzione di “riscaldamento a microonde” e quelli che utilizzano il vapore come funzione primaria di riscaldamento, quelli di piccole dimensioni, portatili, ad accumulo di calore.

Dato che il consumo di energia dei forni elettrici rappresenta una parte considerevole della domanda totale di energia comunitaria il legislatore Ue introduce ulteriori classi energetiche per accelerare la penetrazione sul mercato degli apparecchi ad alto rendimento. Ossia prevede una scala rivista di efficienza energetica da A+++ a D per tutti i forni in questione, e una nuova scala di efficienza energetica da A a G con un “+” aggiunto al massimo della scala ogni due anni fino al raggiungimento della classe A+++ per le cappe da cucina per uso domestico.

Introduce inoltre informazioni sui livelli di potenza sonora nelle etichette delle cappe da cucina per uso domestico, al fine di consentire agli utilizzatori finali di decidere con cognizione di causa: del resto tale elemento può costituire un elemento di rilievo per i consumatori.

Il regolamento specifica anche i requisiti relativi alle informazioni per qualsiasi forma di vendita a distanza, pubblicità e materiale tecnico promozionale di forni e cappe anche quando usati per scopi non domestici.

Comunque sia le informazioni fornite nelle rispettive etichette devono essere ottenute mediante procedure di misurazione e di calcolo affidabili, accurate e riproducibili che tengano conto dei metodi di misurazione e di calcolo più avanzati generalmente riconosciuti.

Naturalmente le disposizioni del presente regolamento saranno riviste alla luce del progresso tecnologico. Perchè nonostante i miglioramenti già ottenuti sul piano dell’efficienza energetica è possibile ridurre ulteriormente e in misura considerevole il consumo energetico attraverso l’utilizzo di nuove tecnologie e in particolare dell’efficacia e dell’adeguatezza dell’impostazione seguita per la determinazione delle classi di efficienza energetica dei forni per uso domestico.