Nuova legge urbanistica Toscana, corsi di Regione e Anci per dipendenti pubblici

[28 gennaio 2015]

Da febbraio prenderanno il via percorsi formativi, totalmente gratuiti, organizzati per i dipendenti degli enti pubblici toscani sulla nuova legge regionale sul governo del territorio, la legge 65/2014, realizzati da Regione Toscana in collaborazione con Anci Toscana.

Si tratta di 8 corsi, 32 giornate, per 224 ore complessive, con sedi a Firenze, Pisa e Siena, per capirne di più sulla  nuova legge urbanistica regionale che segna una decisa svolta nelle politiche di governo del territorio rispetto alla precedente legge del 2005 e, secondo la Regione, «rappresenta uno strumento fondamentale per l’attività dei Comuni toscani. D’altra parte gli stessi Comuni sono stati tra i protagonisti di tutte le fasi di costruzione della nuova legge: con il supporto di Anci Toscana infatti hanno dall’inizio condotto un confronto serrato con il legislatore regionale che si è concretizzato in un contribuito importante alla stesura definitiva del provvedimento».

I corsi si concentreranno soprattutto su alcuni aspetti fondamentali: il patrimonio territoriale e le invarianti strutturali; gli enti pianificatori e i nuovi strumenti; l’individuazione del territorio urbanizzato e la cooperazione interistituzionale; la disciplina del territorio rurale. I docenti dei quattro moduli di approfondimento, distribuiti in altrettante giornate, sono funzionari della Regione e consulenti di Anci tutti altamente specializzati.​

L’assessore regionale all’urbanistica, Anna Marson, sottolinea: «Appena approvata la nuova legge ci siamo subito attivati insieme ad Anci per contribuire ad approfondirne la conoscenza e la corretta interpretazione da parte di quanti, funzionari regionali e comunali, le nuove norme dovranno applicarle e utilizzarle. Crediamo in questo modo di far sì che la nuova normativa diventi un riferimento univoco e quindi efficace, contribuendo così al buon governo del territorio, compresa la semplificazione delle procedure. E’ quindi indispensabile che il personale degli enti locali possa approfondire i diversi aspetti delle norme che oggi sono alla base delle scelte di pianificazione, improntate a criteri fondanti come la limitazione del consumo di nuovo suolo, la riqualificazione delle aree già urbanizzate, la tutela del territorio agricolo, la pianificazione di area vasta. Ed è scontato che solo la conoscenza condivisa tra tutti i soggetti chiamati ad attuarle può portare ad una applicazione corretta ed equilibrata delle norme».

Anche la presidente di Anci Toscana e sindaco di Sesto Fiorentino, Sara Biagiotti, è dello stesso avviso: «Sappiamo bene che solo la conoscenza può portare ad una applicazione corretta ed equilibrata delle norme. Questa iniziativa rappresenta una grande opportunità per i nostri amministratori, che potranno trasformare la nuova Legge in atti che coniugano tutela e sviluppo, nell’interesse del territorio e dei cittadini».