Partirà a metà dicembre, ma del gas è già stato immesso nella rete Snam

Olt, il rigassificatore offshore Fsru Toscana pronto per l’attività commerciale

[12 novembre 2013]

Il rigassificatore offshore Olt di Lng Toscana si avvia verso l’entrata in esercizio: come comunica l’azienda, «la fase di commissioning dell’impianto sta procedendo con successo ed è ormai in via di conclusione. L’inizio delle attività commerciali è previsto per metà dicembre».

«Siamo molto soddisfatti del lavoro di commissioning che stiamo portando avanti – ha dichiarato Peter Carolan, amministratore delegato della OLT Offshore LNG Toscana – tutto si sta svolgendo in linea con le nostre aspettative, grazie all’impegno e all’alta professionalità di tutto il personale coinvolto».

Procede così come da programma l’attività del rigassificatore, nonostante sia in corso una battaglia (anche) intestina all’assetto societario per l’inserimento della struttura tra le opere energetiche “di interesse strategico nazionale, per ovviare alla traballante redditività dell’opera, non più così certa come quando il progetto venne disegnato.

Quel che rimane certo, comunque, è che al momento a seguito delle attività di rigassificazione, «è stato immesso gas naturale nella rete nazionale Snam». A regime, l’impianto avrà una capacità di rigassificazione di 3,75 miliardi di metri cubi l’anno, circa il 4% del fabbisogno nazionale. Sempre che le previsioni non mutino in corso d’opera.