Plastica made in Tuscany: più di 600 aziende e un’opportunità sostenibile

Il 3 aprile a Firenze l’appuntamento con l’industria della plastica in Toscana, tra materie prime e riciclo

[25 marzo 2014]

Sono più di 600 le aziende toscane che trasformano materie plastiche e ne ricavano manufatti, e la Toscana ha la grandissima opportunità di chiudere in modo virtuoso un ciclo che è ambientale ma anche industriale: quello delle plastiche eterogenee delle raccolte differenziate. Da quasi tutta la toscana queste arrivano a Revet, per venire poi selezionate nell’impianto di Pontedera e avviate a riciclo nel modernissimo impianto di Revet Recycling, capace di ottenere da esse un granulo a base di polipropilene e polietilene – che può essere masterizzato e compoundato – dalle stesse caratteristiche dei polimeri vergini, pronto ad essere reimmesso sul mercato: adatto per lo stampaggio a iniezione o a soffiaggio di qualsiasi manufatto, anche di alta gamma, può così essere acquistato proprio dalle oltre 600 aziende toscane che lavorano le materie plastiche.

È a questa vasta platea di realtà manifatturiere si rivolgono la Regione Toscana e Revet Recycling, con il convegno del 3 aprile intitolato “L’industria della plastica in Toscana tra materie prime e riciclo”, un evento che prevede l’apertura dei lavori alle 10, nella sala del Gonfalone della Regione Toscana, in via Cavour 4, a Firenze. Sarà l’occasione per offrire a quelle aziende una prospettiva su di un materiale che finalmente coniuga tutte le caratteristiche dei polimeri vergini con la sostenibilità ambientale.

Una prima fase del convegno prevede alcune introduzioni utili a fotografare lo stato dell’arte dell’industria manifatturiera toscana di trasformazione delle materie plastiche, con gli interventi di Franco Rocchi (Ambiente scrl) che presenterà uno studio sull’industria della plastica in Toscana ed Enzo Scalia (Bsb Recycling) che relazionerà invece sugli approvvigionamenti di materie plastiche nella nostra regione. L’amministratore delegato di Revet Recycling Emanuele Rappa concluderà la prima fase con un intervento dal titolo “Plastiche eterogenee riciclate: produzione e sbocchi di mercato”.

Seguirà una tavola rotonda coordinata dal giornalista di Repubblica Antonio Cianciullo alla quale parteciperanno: Federico Ippoliti di Roofy Spa (fornitore di Obi, Carrefour ecc.), Fabio Taviani MPT Srl,Valerio Caramassi, presidente Revet Spa e Revet Recycling Srl; Paolo Regini, presidente commissione Ambiente Cispel; Francesco Rizzi Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, Riccardo Lanzara presidente Pont Tech, Luca Niccoli, consulente di mercato, Fausto Ferruzza, presidente Legambiente Toscana,Anna Rita Bramerini, assessore regionale Ambiente, Paolo Tedeschi, presidenza della Regione Toscana.