A che punto è la ricostruzione de L’Aquila, 9 anni dopo il terremoto

Consiglio nazionale dei geologi: «Sono ancora 8.024 le persone alloggiate nei Progetti Case e 2.149 quelle che si trovano nei moduli abitativi provvisori»

[6 aprile 2018]

Un violento terremoto di magnitudo momento 6,3 colpiva L’Aquila, scuotendo il capoluogo abruzzese e i suoi abitanti alle ore 3:32 del 6 aprile 2009, esattamente nove anni fa. Attimi di terrore che lasciarono dietro di sé macerie, 309 vittime e 80mila sfollati in tutto il territorio provinciale e nel teramano. Il nostro Paese è ormai drammaticamente esperto a intervenire nell’emergenza causata dai disastri naturali, tanto quanto risulta deficitario nella gestione di quanto succede dopo: ricostruzione e maggiori investimenti in prevenzione. A distanza di quasi un decennio dal dramma, è il Consiglio nazionale dei geologi a testimoniare come stanno le cose al L’Aquila, facendo innanzitutto una differenza tra ricostruzione privata e pubblica.

La prima – che si riferisce agli appalti affidati direttamente dai cittadini – risulta a buon punto grazie alla concessione di 6 miliardi di euro, la somma già erogata è pari al 69,5% sul totale richiesto. La ricostruzione pubblica, invece, procede più lentamente: sono stati erogati 1,3 miliardi di euro su un totale di 2 miliardi di euro, in questo caso il totale stanziato è pari al 62,1% rispetto alla cifra richiesta. È quanto si legge dai dati riferiti, lo scorso 31 marzo, dall’Ufficio speciale per la ricostruzione (Usra) relativi alla ricostruzione del Comune dell’Aquila e della sua periferia. Altri dati significativi riguardano la rimozione delle macerie in seguito al sisma del 2009: 2,7 milioni di tonnellate sono state rimosse presso i cantieri privati e 495 mila tonnellate in quelli pubblici per un totale di 3 milioni di tonnellate di macerie portate via. Sono ancora 8.024 le persone alloggiate nei Progetti Case e 2.149 quelle che si trovano nei Map (moduli abitativi provvisori).

Un quadro che peggiora ulteriormente spostando il focus dalla ricostruzione alla prevenzione. «È necessario mantenere viva la memoria su quanto avvenuto la notte del 6 aprile 2009 quando la nostra Regione è stata colpita dal sisma che ha provocato la morte di oltre 300 persone – commenta il Consigliere abruzzese del Consiglio nazionale dei geologi con delega alla Protezione civile, Adriana Cavaglià – Abbiamo continuato a contare altre vittime con gli eventi sismici che si sono ripetuti nel 2012 in Emilia, nel 2016 e 2017 nel Centro Italia e ad Ischia. Queste tragedie non devono più accadere in un Paese notoriamente ad elevata pericolosità sismica, ma nel quale il patrimonio edilizio è ancora vulnerabile, in maniera piuttosto estesa. È quindi necessario continuare ad intervenire sul costruito per ridurre il rischio sismico delle strutture, utilizzando gli strumenti che lo Stato ha messo a disposizione dei cittadini, come ad esempio il contributo Sisma bonus. È però altrettanto necessario – conclude la geologa – avviare un’incisiva campagna di sensibilizzazione ed informazione alla popolazione affinché venga resa nota, in maniera chiara, tale opportunità che fornisce una detrazione per chi adotta misure antisismiche per la messa in sicurezza degli edifici, con una conseguente riduzione del rischio».