Caratteristiche di pericolo dei rifiuti: cambia la normativa europea

[19 dicembre 2014]

L’Ue adegua la definizione delle caratteristiche di pericolo dei rifiuti. Con regolamento pubblicato sulla Gazzetta ufficiale europea di oggi modifica la direttiva dei rifiuti del 2008 sostituendo l’elenco delle caratteristiche di pericolo dei rifiuti (allegato III). L’allegato III stabilisce che l’attribuzione delle caratteristiche di pericolo H 4 («irritante»), H 5 («nocivo»), H 6 («tossico» e «molto tossico»), H 7 («cancerogeno»), H 8 («corrosivo»), H 10 («tossico per la riproduzione»), H 11 («mutageno») e H 14 («ecotossico») debba essere effettuata secondo determinati criteri fissati da direttive ormai abrogate. Le direttive del 67 e del 99 sono state sostituite dal regolamento del 2008 relativo alla classificazione, all’etichettatura e all’imballaggio delle sostanze e delle miscele.

Quindi per garantire l’adeguata completezza e rappresentatività anche per quanto riguarda le informazioni sui possibili effetti di un allineamento della caratteristica HP 14 «ecotossico» con il regolamento del 2008, si prevede uno studio supplementare.

Invece le caratteristiche di pericolo da H 1 a H 15 dovrebbero essere ridenominate sostituendo l’attuale sigla H con la sigla HP, per evitare la possibile confusione con i codici delle indicazioni di pericolo previste dal regolamento

Del resto la direttiva del 2008 (la numero 98) stabilisce che la classificazione dei rifiuti come pericolosi debba essere basata, tra l’altro, sulla normativa dell’Unione relativa alle sostanze chimiche. E lo fa in particolare per quanto riguarda la classificazione dei preparati come pericolosi, inclusi i valori limite di concentrazione usati a tal fine.

Nella classificazione è inoltre necessario mantenere il sistema con cui sono stati classificati i rifiuti e i rifiuti pericolosi in conformità dell’elenco dei tipi di rifiuti stabilito dal Cer (Catalogo europeo dei rifiuti) al fine di favorire una classificazione armonizzata dei rifiuti e garantire una determinazione armonizzata dei rifiuti pericolosi all’interno dell’Unione.