Concordia, le prime vibranti ore di navigazioni con il giallo del cambio di rotta

[23 luglio 2014]

Poco dopo la partenza della Concordia arriva in redazione dal ministero dell’ambiente una comunicazione che dice: Il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti ha disposto l’immediato avvio della ‘procedura di validazione’ dei risultati della rilevazione aerea compiuta dalla Capitaneria di Porto italiana, dalla quale emerge la presenza di due macchie a largo delle coste della Corsica, sul tratto di mare che dovrà percorrere la Costa Concordia. L’obiettivo è verificare l’eventuale presenza di idrocarburi. Alle 14.15 – il ministero dell’ambiente informa che: non sono più visibili le due macchie a largo delle coste della Corsica segnalate dalla rilevazione aerea compiuta dalla Capitaneria di Porto. Il volo di ricognizione effettuato dalla stessa Capitaneria nell’ambito della ‘procedura di validazione’ disposta dal ministro Galletti non ha più evidenziato le possibili criticità emerse in precedenza. “Continueremo a monitorare il mare in tempo reale – afferma Galletti – perché tutta l’operazione venga svolta nella totale sicurezza e trasparenza”.

Alle 15.45 – La Costa Concordia sembra aver “resettato”  la rotta. Infatti inizialmente i rimorchiatori la stavano trainando decisamente a nord, verso il Canale di Piombino, lungo più o meno il percorso previsto come terza ipotesi in caso di maltempo. Si era pensato che questo potesse essere anche per evitare la rotta al largo della Corsica, dove i sindaci e le associazioni di Capo Corso avevano minacciato manifestazioni, come riferiamo in un altro articolo del giornale. Invece poco prima delle 15,30 il relitto ha cambiato rotta virando decisamente verso l’Isola d’Elba e quindi dirigendosi in uno dei due percorsi originari previsti, probabilmente un po’ più a nord.   Bisognerà ora capire a quale distanza dal mare protetto di Pianosa passerà il relitto, ma tutto sembra fortunatamente proseguire senza incidenti e probabilmente anche ad una velocità superiore a quella prevista. Segui il tragitto della nave: http://www.theparbucklingproject.com/tragitto.php