Gli Angeli del Bello e la Giunta Comunale di Firenze si prendono cura di Ponte Vecchio

Si chiude oggi la III° edizione della “Settimana del bello. Tutto può cambiare”

[26 maggio 2017]

Oggi, dopo una settimana di attività realizzata grazie al contributo di Bassilichi, i volontari della Fondazione degli Angeli del Bello hanno potuto contare anche sull’aiuto anche di tutta la Giunta comunale  di Firenze per un intervento unico nel suo genere. Infatti, si sono presi cura di Ponte Vecchio, un monumento cittadino famoso in tutto il mondo ma  troppo spesso teatro di degrado ed atteggiamenti irrispettosi.

Gli Angeli del Bello spiegano che «L’intervento è stato calendarizzato come momento conclusivo della Settimana del Bello, a seguito di una segnalazione pervenuta alla Fondazione dall’Associazione Ponte Vecchio, composta soprattutto da esercenti, che per la seconda volta si rivolge agli Angeli dopo il positivo esito della rimozione di una scritta apparsa nella zona di Borgo San Jacopo».

Per realizzare l’intervento di oggi, gli  Angeli del Bello sono seguiti da Daniela Valentini, restauratrice accreditata presso la Soprintendenza di Firenze, e Francesca Magherini, tecnico del colore ormai presenza fissa nella squadra dei volontari. «Attraverso impacchi e metodi da restauro – sottolineano i volontari –  la mattinata è stata impiegata per togliere le scritte che sono state segnalate e migliorare ove possibile la situazione delle superfici murarie. Le operazioni della mattina sono state rese possibili grazie al rinnovo del Protocollo d’intesa per i primi interventi urgenti finalizzati alla salvaguardia ed al ripristino del decoro di beni immobili con la Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per la città metropolitana di Firenze e le province di Pistoia e Prato».

Si conclude così  la terza edizione della “Settimana del bello. Tutto può cambiare!”, 5 giorni di eventi in cui si rinnova la “promessa”: costruire nuovo civismo, fatto di assunzione di responsabilità individuale e collettiva.

Secondo il Presidente della Fondazione, Giorgio Moretti, è stata «Un’occasione per accendere i riflettori sulla straordinaria azione che tutti i Volontari, in silenzio e con pazienza, ogni giorno svolgono con amore e senso civico per la propria città. Un modo diverso per far capire che non c’è solo rassegnazione e lamentela; con la buona volontà ed il senso civico tutti possiamo vivere in una città più bella e solidale!».  

Moretti ha confermato l’approvazione del progetto lanciato il primo ottobre 2016: intervenire con RFI per ripristinare gli ingressi di Firenze via strada ferrata, partendo dall’area di Rifredi.

Marco Bassilichi ha concluso: «Sosteniamo con passione e determinazione l’attività della Fondazione fin dalla sua nascita; non potevamo mancare a questa iniziativa che celebra l’impegno ed i grandi risultati ottenuti in questi anni dai volontari. Già 2.500 persone si sono trasformate in Angeli del Bello e ci auguriamo che siano sempre di più i cittadini disposti a raccogliere il nostro appello e ad esprimere concretamente, con piccoli ma importanti gesti, il loro amore per Firenze».