Ispettori ambientali e videocamere contro l’abbandono dei rifiuti nella Toscana del sud

Comportamenti incivili che comportano «costi supplementari per le amministrazioni comunali, che inevitabilmente si riversano su tutta la cittadinanza»

[3 agosto 2017]

Arrivano le telecamere di Sei Toscana contro la cattiva abitudine di abbandonare rifiuti nei luoghi più disparati. Accanto ai cassonetti, lungo il ciglio delle strade, a terra al di fuori dei centri di raccolta, sono purtroppo ancora molti i posti dove vengono lasciati dai semplici sacchi agli elettrodomestici più ingombranti, passando per gli arredi come reti, materassi o divani.

Comportamenti che vanno ad inficiare l’impegno e l’attenzione sia di tutti quei cittadini che separano e conferiscono correttamente i propri rifiuti, sia degli operatori che ogni giorno devono far fronte a situazioni di criticità. Non solo, oltre al danno ambientale e di immagine, l’abbandono dei rifiuti genera costi supplementari per le amministrazioni comunali, costi che inevitabilmente si riversano su tutta la cittadinanza.

Per far fronte al proliferare di tali problematiche Sei Toscana mette a disposizione delle amministrazioni comunali un servizio completo di ispezione ambientale rinnovato e potenziato. Al fianco della figura degli ispettori ambientali, infatti, da oggi è possibile dotare i vari comuni di  attrezzature per la videosorveglianza.

Videocamere che possono essere installate in punti strategici del territorio comunale e che alla stregua di vere e proprie foto trappole potranno identificare i responsabili di abbandoni o altri comportamenti errati. Un servizio che si integra alla perfezione con le diverse attività che tutti i giorni Sei Toscana svolge nei territori in merito alla raccolta rifiuti e alla pulizia del contesto urbano, risultando in primo luogo di aiuto agli utenti nel gestire correttamente i propri rifiuti e nell’usufruire correttamente dei servizi, ed in seconda battuta come ottimo deterrente per le cattive abitudini purtroppo persistenti. I

risultati fino ad adesso ottenuti hanno fatto crescere l’interesse di molte amministrazioni, sia per quanto riguarda la figura dell’ispettore ambientale, sia per quanto riguarda l’installazione delle videocamere, che saranno presentate nei prossimi giorni in alcuni Comuni della Toscana del Sud.

a cura di Sei Toscana