L’Onu dichiara guerra alla plastica in mare (VIDEO)

L’Unep lancia la campagna mondiale #CleanSeas per farla finita con i rifiuti marini

[24 febbraio 2017]

L’United Nations environment programme (Unep) ha lanciato a dall’Economist World Ocean Summit in corso a Bali, in Indonesia, la #CleanSeas , una campagna mondiale che punta all’eliminazione delle due maggiori fonti di rifiuti marini: le microplastiche presenti nei cosmetici e l’utilizzo eccessivo della plastica usa e getta e la sua mancata raccolta, conferimento, riciclo e riutilizzo.

L’Unep spiega che CleanSeas «Chiede ai governi di adottare delle misure di riduzione della plastica, interpella le industrie perché minimizzino gli imballaggi plastici e ripensino il design dei prodotti e invita i consumatori a cambiare le loro abitudini usa e getta, prima che i nostri oceani ne siano danneggiati in maniera irreversibile.

Il direttore dell’Unep, Erik Solheim, ha detto che «E’ arrivato il tempo di affrontare il problema della plastica responsabile del degrado dei nostri oceani. L’inquinamento da plastica è visibile sulle spiagge indonesiane, si installa nei fondali oceanici del Polo Nord e risale lungo la catena alimentare fino a dentro i nostri piatti. Abbiamo svolto il ruolo di spettatori per troppo tempo e il problema non ha fatto che aggravarsi . Questo deve finire».

Per un anno, CleanSeas metterà in rete importanti iniziative prese da governi e imprese come l’eliminazione delle microsfere presenti nei prodotti per l’igiene, il divieto o le tasse imposte sui sacchetti di plastica usa e getta e la riduzione di ogni altro prodotto in plastica non riciclata.

La campagna ha già avuto l’adesione di 10 Paesi (Belgio, Costa Rica, Francia, Grenada, Indonesia, Norvegia, Panama, Saint Lucia, Sierra Leone e Uruguay) che hanno promesso di mettere fine allo sversamento di plastiche in mare. L’Indonesia si è impegnata a ridurre del 70% i rifiuti marini entro il 2025, entro la fine dell’anno l’’Uruguay imporra una tassa sui sacchetti di plastica usa e getta, il Costa Rica adotterà misure per ridurre considerevolmente l’utilizzo di plastica usa e getta, grazie a una migliore gestione dei rifiuti e a campagne informative.

La ministro dell’ecologia, sviluppo sostenibile ed energia francese, Ségolène Royal, si è dichiarata soddisfatta per l’avvio di questa campagna mondiale sui rifiuti marini: «Sono felice di annunciare che ho firmato una accordo per sostenere finanziariamente questa Agenzia per lottare contro questa minaccia mondiale nel quadro di una coalizione internazionale contro i sacchetti di plastica e l’inquinamento da plastica».

L’Unep ricorda che «Ogni anno, più di 8 milioni di tonnellate di plastica finiscono negli oceani, danneggiando le specie marine selvatiche, I pescatori e il turismo e producendo un costo di circa 8 miliardi di dollari in Danni agli ecosistemi marini. Circa l’80& di tutti i rifiuti presenti nei nostri oceani sono rifiuti di origine plastica. Secondo alcune stime, al ritmo attuale al quale gettiamo le nostre bottiglie, i nostri sacchetti e i nostri recipienti di plastica dopo un solo utilizzo, entro il 2050 negli oceani ci sarà più plastica che pesci e circa il 99% degli uccelli marini avranno ingerito della plastica».

Anche la  top model Nadya Hutagalung, sostiene #CleanSeas e chiede che «L’industria cosmetica non aggiunga microplastiche ai suoi prodotti». L’Unep ha calcolato che circa 51 trilioni di particelle di microplastiche – 500 volte più del numero delle stelle nella nostra galassia – inquinano i nostri oceani e pongono una seria minaccia alle specie selvatiche marine».

Il cantautore Jack Johnson ha promosso il nuovo documentario The Smog of the Sea che mette in evidenza il problema delle microplastiche e ha detto: «Sostengo l campagna #CleanSeas perché credo che esistano alternative migliori alla plastica usa e getta e che noi consumatori possiamo incoraggiare l’innovazione e chiedere alle imprese di prendersi la responsabilità dell’impatto dei loro prodotti sull’ambiente».

Il gigante dell’informatica Dell ha colto l’occasione dell’Economist World Ocean Summit e del lancio di CleanSeas per annunciare che per gli imballaggi di suoi prodotti utilizzerà plastica riciclata prodotta con le plastiche raccolte in mare al largo di Haiti.

Secondo l’Unep ogni iniziativa di raccolta e riutilizzo della plsstica è importante: «Oggi, produciamo 20 volte più plastica che negli anni ‘60. Circa un terzo di tutte le plastiche è utilizzata negli imballaggi. Entro il 2050, la nostra produzione di plastica sarà aumentata da tre a 4 volte per poter rispondere alla nostra richiesta. Una parte importante di questa produzione finirà negli oceani dove rimarrà per secoli».

L’Unep si aspetta numerose altre adesioni e annunci di iniziative durante l’Ocean Conference che si terrà  all’Onu a New York dal 5 al 9 giugno all’United Nations Environment Assembly, prevista a dicembre à Nairobi, in Kenya.

Videogallery

  • The Smog of the Sea (Full Documentary)