Lucart vince il Sodalitas Social Award con lo smaltimento dei cartoni per bevande

All’impresa lucchese il premio speciale “Best in class”

[30 settembre 2016]

lucart-premio

Il progetto Fiberpack® di Lucart la multinazionale italiana della carta nata in provincia di Lucca nel 1953, ha vinto ha vinto il premio speciale “Best in Class”, nell’ambito della 14esima edizione del “Sodalitas Social Award”, «Grazie ai risultati raggiunti e per avere saputo soddisfare unitariamente le aspettative di crescita, sostenibilità, innovazione e inclusione».

Il Sodalitas Social Award, istituito nel 2013, riconosce l’impegno di imprese, istituzioni e organizzazioni che assumono nei fatti una leadership riconoscibile e orientata a «cambiare paradigma per realizzare un futuro sostenibile». A valutarne la capacità innovativa e l’impatto, in base ai criteri del Modello EFQM per l’Eccellenza (European Foundation for Quality Management), una Giuria multistakeholder presieduta dal rettore dell’università cattolica di Milano Franco Anelli.

Oggi, ritirando il premio a Milano, il direttore commerciale di Lucart,  Guido Pasquini, ha ricordato gli effetti positivi sull’ambiente raggiunti nel triennio 2013-2015 dal progetto Fiberpack®: «Quasi 2 miliardi di cartoni per bevande recuperati, circa 900.000 alberi salvati, che sarebbero stati necessari per la produzione dell’equivalente quantità di carta da fibra vergine, oltre 52.000 tonnellate di CO2 evitate, grazie al mancato smaltimento in discarica dei cartoni per bevande. Siamo molto soddisfatti per questo riconoscimento. E’ un’ulteriore conferma dell’impegno del Gruppo ad adottare modelli di sviluppo che rispettino i diritti umani, le capacità rigenerative della Terra e il benessere delle comunità. Con il progetto Fiberpack® Lucart è riuscita a trasformare lo smaltimento dei contenitori per bevande tipo Tetra Pak in un vero e proprio modello di business circolare, riutilizzando tutte le componenti ed evitando la dispersione in discarica dei contenitori, con benefici ambientali e sociali notevoli».

Il processo innovativo di Lucart, unico in Italia, è stato inaugurato nel 2011 in collaborazione con Tetra Pak e ha richiesto un investimento di circa 10 milioni di euro. Il progetto Fiberpack® ha come obiettivo quello di produrre carta ed altri oggetti senza abbattere alcun albero, ma attraverso il riciclo dei contenitori per bevande post consumo tipo Tetra Pak, composti da fibre di cellulosa, alluminio e polietilene. Con le prime Lucart realizza prodotti in carta tissue per uso igienico sanitario, mentre la parte di alluminio e di polietilene (materiale plastico) viene utilizzata da terzi per produrre altri oggetti, come i pallet, altri manufatti per l’edilizia e i pali di ormeggio utilizzati nella laguna veneta. I prodotti in carta sono distribuiti sia nel settore professionale che domestico.