Rifiuti, c’è la firma sull’accordo di conciliazione fra Ato Toscana Sud e Sei Toscana

L’importo riconosciuto al gestore unico non comporterà alcuna ripercussione sulle tariffe, ma sarà coperto da uno specifico fondo

[14 novembre 2018]

L’Ato Toscana Sud e Sei Toscana hanno firmato ieri pomeriggio, a Siena, l’accordo di conciliazione relativo al contenzioso sui corrispettivi dei servizi svolti nel triennio 2016-2017-2018: la sigla è stata apposta dal direttore Paolo Diprima per l’Ente rappresentativo di 104 Comuni della Toscana meridionale, mentre a fare le veci dell’azienda che gestisce sul territorio il servizio integrato dei rifiuti proprio per conto dell’Ato era presente il direttore generale Alfredo Rosini. Insieme hanno così messo fine al contenzioso pendente ormai dal 2016.

«Mettiamo finalmente la parola fine a questo contenzioso che costituiva un intoppo nei rapporti fra la società e l’Autorità di ambito – commenta Leonardo Masi, presidente di Sei Toscana – Ritengo che questo accordo possa e debba rappresentare per tutti un momento di svolta, rinsaldando ancora di più il rapporto e la collaborazione fra il gestore e tutti i Comuni serviti. Per raggiungere gli obiettivi che ci siamo prefissati in materia di raccolta differenziata e riciclo è necessario che tutti gli attori operino in modo proficuo nella stessa direzione, impegnandosi, ognuno secondo le proprie pertinenze, per garantire a cittadini e imprese un servizio efficace ed efficiente, all’altezza dello splendido territorio nel quale viviamo».

L’accordo, che prima di essere firmato ha ricevuto il parere positivo da parte dell’Assemblea di Ato, prevede che sia riconosciuta a Sei Toscana la somma onnicomprensiva di € 3.380.000, ripartita in due quote di pari importo di € 1.690.000 per ciascuna delle annualità 2016 e 2017 e un ulteriore riconoscimento, a titolo di “costi generali inerenti la gestione del Corrispettivo impianti” relativo all’anno 2018 per una somma onnicomprensiva di € 430.000. Un importo riconosciuto che non comporterà alcuna ripercussione sulle tariffe, ma sarà coperto da uno specifico fondo Ato costituito anni fa proprio per far fronte a possibili contenziosi. Le parti hanno inoltre concordato che l’accordo di conciliazione è propedeutico all’avvio della procedura per il riequilibrio economico e finanziario della concessione e alla definizione dei consuntivi dei servizi dal 2015 al 2017.

«L’Assemblea dei sindaci di Ato Toscana Sud ha approvato pressoché all’unanimità alcune importanti delibere sulla gestione del servizio rifiuti nella concessione a Sei Toscana – aggiunge il direttore di Ato Toscana Sud, Paolo Diprima – La condivisione dell’accordo conciliativo per definire bonariamente i contenziosi progressi, senza impatti sulle tariffe degli utenti, va nel senso di una stabilità dei rapporti con il gestore, che dovrà venir a breve consolidata con la definitiva condivisione del Regolamento sul controllo della gestione che ieri l’assemblea ha validato».