Rifiuti, a cosa serve (e come funziona) il nuovo centro di raccolta di Subbiano

[18 marzo 2016]

subbiano

Apre una nuova struttura a servizio della raccolta nella Toscana del sud. È stato inaugurato infatti il nuovo centro di raccolta di Subbiano, in via Fermi, località Castelnuovo. La struttura è un’area appositamente attrezzata e custodita dove i cittadini residenti nel comune potranno effettuare la raccolta differenziata di quei materiali recuperabili altrimenti destinati a smaltimento in discarica. Una soluzione pratica e veloce che permetterà a tutti i residenti nel comune di Subbiano di provvedere personalmente al conferimento dei rifiuti, con particolare riferimento a quelli voluminosi e ingombranti, contribuendo così a una gestione virtuosa.

La struttura sarà aperta ogni lunedì e sabato dalle 10 alle 13, il mercoledì  dalle 15 alle 18. Il centro di raccolta si estende su un’area di poco meno di 2000 mq, composta da un casotto di guardiania, dagli spazi occupati dai diversi cassoni scarrabili adibiti alla raccolta dei materiali e da una tettoia destinata al conferimento delle apparecchiature elettriche ed elettroniche. Nel centro di raccolta comunale di Subbiano possono essere conferiti rifiuti ingombranti (come poltrone, divani e materassi); apparecchiature elettriche ed elettroniche (come televisori, frigoriferi, videoregistratori e computer, lampade esaurite e neon); rifiuti metallici (come reti da letto, telai di bicicletta e scaffali); farmaci scaduti; pile e batterie; oli minerali e vegetali; vetro; sfalci e potature, carta e cartone e pneumatici fuori uso.

«L’inaugurazione del centro di raccolta – ha affermato il sindaco di Subbiano, Antonio de Bari – mette a disposizione dei nostri cittadini una struttura capace di accogliere diverse tipologie di rifiuto, incentivando così la raccolta differenziata. L’obiettivo primario è tutelare maggiormente il nostro territorio, migliorare la qualità della vita della nostra comunità, valorizzando una sensibilizzazione ambientale che chiama in causa tutti, dalle istituzioni ai cittadini». All’inaugurazione della struttura, oltre ai componenti della giunta comunale, hanno partecipato anche gli alunni delle classi V della scuola primaria “S.Pertini” di Subbiano che hanno letto alcune filastrocche elaborate in classe sulle tematiche ambientali e cantato una canzone scritta apposta per l’occasione.

«L’apertura del centro di raccolta – ha spiegato il presidente di Sei Toscana, Simone Viti – è uno degli esempi tangibili dell’impegno di Sei Toscana per migliorare efficienza e qualità del servizio e garantire nel tempo incrementi nelle quantità di raccolta differenziata e di avvio a riciclo. L’obiettivo del miglioramento dei servizi è sempre in primo piano ed è nostra intenzione lavorare nello spirito di condivisione e collaborazione con le amministrazioni comunali e con Ato Toscana Sud per individuare soluzioni su tutto ciò che compete al gestore».

Con l’inaugurazione della struttura di Subbiano, sono 83 i centri di raccolta e le stazioni ecologiche operative nella Toscana del Sud, nelle province di Arezzo, Grosseto, Siena e nella Val di Cornia. Sei Toscana, in accordo con le amministrazioni comunali e Ato Toscana Sud, ha in progetto di aprire altre strutture nei prossimi mesi, così da potenziare il proprio sistema integrato di gestione dei rifiuti, caratterizzato da una efficace ed efficiente integrazione tra le raccolte di tipo porta a porta, di prossimità e stradali, con la rete delle stazioni ecologiche e centri di raccolta distribuiti sul territorio.

di Sei Toscana