San Rossore al quinto posto della classifica “Quality Coast”

Il riconoscimento internazionale colloca il Parco toscano fra le località costiere più sostenibili

[10 luglio 2013]

Il Parco naturale di Migliarino, San Rossore e Massaciuccoli si conferma anche quest’anno ai primi posti della classifica delle località costiere più sostenibili d’Europa: nella lista aggiornata al 2013 e pubblicata (sulla pagina http://www.qualitycoast.info/destinationstop100.htm) dalla “Coastal & Marine Union” – EUCC, organizzazione indipendente che valuta gli aspetti di sostenibilità di destinazioni turistiche come coste e isole, il territorio compreso nell’area protetta regionale si classifica al quinto posto.

Ottenuto nel 2012 grazie alla collaborazione delle strutture dei sei comuni interessati – Pisa, San Giuliano Terme, Vecchiano, Massarosa, Viareggio e Livorno (l’Ente Parco è anche gestore dell’Area marina protetta delle Secche della Meloria) – il premio rappresenta un ulteriore elemento di riconoscimento delle politiche attuate al suo interno ed un’occasione di valorizzazione del territorio e di visibilità internazionale, oltre a confermare il percorso già iniziato negli scorsi anni con l’ottenimento del “Diploma europeo dei parchi” e l’inserimento del territorio tra le riserve della Biosfera del programma M.A.B. dell’Unesco.
«La presenza del Parco di Migliarino, San Rossore e Massaciuccoli tra le località più sostenibili d’Europa costituisce la prova del fatto che è possibile individuare un equilibrio ottimale tra le risorse naturali presenti e lo sviluppo delle attività umane, anche per finalità turistiche – spiega il Presidente dell’Ente Parco Fabrizio Manfredi – mantenendo intatte le caratteristiche che rendono il nostro territorio un esempio unico in tutto il tratto settentrionale della costa toscana. La certificazione del Parco quale autentica eccellenza nel campo del turismo sostenibile, è inoltre una straordinaria opportunità per far conoscere le potenzialità del territorio e dei territori in essa inclusi a livello nazionale e internazionale.»

I criteri, piuttosto numerosi e selettivi, adottati dalla “Coastal & Marine Union” – EUCC per definire la misura della sostenibilità dell’area costiera, sono raggruppabili in 5 macro-aree: natura (turismo verde, educazione, conservazioni), ambiente (Spiagge Bandiera Blu, trasporti sostenibili, qualità delle acque, raccolta differenziata), identità e cultura (patrimonio culturale, identità locali, territorio e tradizioni), turismo e business, ospitalità e sicurezza. Nell’ambito dell’iniziativa, che ha valutato gli aspetti della sostenibilità di 1000 destinazioni turistiche in tutto il mondo, dal 2007 sono state selezionate per questo premio più di 140 destinazioni turistiche in 23 paesi, tra città costiere, villaggi e isole.

Tra le prime dieci località premiate nel 2013, dominano Paesi Bassi e Grecia, con ben 5 siti premiati, ma l’arcipelago portoghese delle Azzorre rimane la migliore destinazione turistica europea “green” come già avvenuto nel 2012; al quinto posto il Parco Regionale di Migliarino, San Rossore e Massaciuccoli – prima delle cinque località italiane presenti nella classifica – che presenta una straordinaria varietà di ambienti, comprese zone umide, paludi, boschi e dune di sabbia che ospitano una ricca biodiversità di flora e fauna. Anche se l’area protetta è stata istituita nel 1979 e si trova nel bel mezzo di una zona altamente urbanizzata, circa il 95% della superficie regionale conserva la sua naturalità originaria.