Scienziati europei unitevi (a Pisa): il Manifesto per un’Europa di progresso

[9 aprile 2014]

Nella sede del CNR di Roma un gruppo di scienziati italiani ha presentato il “Manifesto per un’Europa di progresso“, un documento che ha l’obiettivo di “risvegliare dal torpore” gli scienziati di tutto il continente per rilanciare il progetto di un’Europa unita e democratica, costruita sulla base dei principi di libertà, democrazia, conoscenza e solidarietà. Nel Manifesto si legge: «Come scienziate e scienziati di questo continente – consapevoli che esiste un nesso inscindibile tra scienza e democrazia – sentiamo la necessità di metterci in gioco. Di ribadire che il processo di costruzione degli Stati Uniti d’Europa è la più importante opportunità che ci è concessa dalla storia».

Il Manifesto ha avuto tra i suoi promotori e primi firmatari i professori Vincenzo Cavasinni e Guido Tonelli del dipartimento di Fisica dell’Ateneo pisano, che lavorano rispettivamente negli esperimenti ATLAS e CMS (di cui Tonelli è stato a capo) che, all’acceleratore LHC del CERN, hanno scoperto la particella di Higgs. Nel corso della presentazione romana è stata lanciata anche l’idea di organizzare una riunione degli scienziati europei da tenere a Pisa, la sede in cui, nel 1839, si svolse la prima Riunione degli scienziati italiani che dimostrò, prima ancora dell’Unità d’Italia, la consapevolezza degli scienziati di appartenere a un’unica nazione. Nel 2011, nell’ambito delle celebrazioni per i 150 anni dell’unità d’Italia, la riunione del 1839 è stata ricordata dalla associazione “La Limonaia” con un convegno dedicato e un documentario. Dopo Pisa l’idea è che ogni anno si tengano nuovi incontri, in una città del continente, fino a quando l’obiettivo non sarà raggiunto.

Per sottoscrivere il “Manifesto per un’Europa di progresso” ci si può collegare al sito: http://www.osservatorio-ricerca.it/sondaggi/foreurope2014/registrazione_survey.php

di università di Pisa