Spiaggia di Galenzana, una petizione per chiedere la riapertura del sentiero

[16 settembre 2014]

All’inizio dell’estate c’era stato un incontro tra la nuova amministrazione di Campo nell’Elba e Legambiente Arcipelago Toscano che denunciava la definitiva chiusura dello “storico” sentiero costiero che porta alle spiagge di Galenzana e dei Salandri, ma dopo nessuno ha provveduto a rimuovere la staccionata eretta da privati che devia turisti ed escursionisti su un altro sentiero. Ora a Marina di Campo un gruppo di cittadini sta raccogliendo le firme sotto una petizione indirizzata al Sindaco Lorenzo Lambardi (PD), a capo di una giunta civica che alle elezioni di maggio ha sbaragliato il centro-destra.

Nella petizione, indirizzata anche al presidente del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano, cittadini di Campo nell’Elba, turisti e amici di Marina di Campo chiedono che «Vengano ripristinati gli accessi “storici” a Galenzana ed ai Salandri, ostruiti da privati negli anni recenti con una costante operazione di nascondimento con frasche e abbandono del sentiero costiero che rappresentava recentemente anche l’unico accesso alla spiaggia dei Salandi».

Il documento constata che «Nonostante le continue denunce e segnalazioni di questi ultimi anni da parte di cittadini, turisti e dall’associazione Legambiente, alla fine il suddetto sentiero, che rappresenta anche lo storico percorso di collegamento con la sentieristica all’interno del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano, è stato chiuso da una staccionata a monte e a valle, sembrerebbe con l’intento di impedire l’accesso alla zona della vecchia fornace», negli anni passati oggetto di un tentativo di speculazione edilizia contro il quale si batterono gli ambientalisti del Cigno Verde che lungo la costa che va a Galenzana hanno bloccato anche altri abusi.

La petizione chiede  che, anche in ottemperanza a sentenze della Corte Costituzionale sull’accesso a spiagge e coste, «L’amministrazione Comunale, di concerto con l’Ente Parco, ripristini gli accessi storici a Galenzana ed ai Salandri, attuando iniziative simili a quelle già intraprese nel confinante Comune di Marciana e che intendono prendere o hanno già preso il Comune di Portoferraio e il Comune di Monte Argentario. Che  l’amministrazione Comunale, di concerto con l’Ente Parco,  metta in opera una segnaletica idonea che, partendo dal centro di Marina di Campo, indichi a cittadini, turisti ed escursionisti i percorsi verso i Salandri, Galenzana, Punta Bardella e Capo Poro».