Come stanno le foreste Italiane? Te lo dice il tuo telefono con due App

SMART4action reporting e SMART4action citizen, monitoraggio e segnalazione dei danni forestali

[6 ottobre 2017]

Più del 30% del territorio italiano è coperto da foreste che sono una grande risorsa economica rinnovabile e offrono servizi ecosistemici di enorme importanza, come la protezione idrogeologica del territorio, la conservazione della biodiversità, l’accumulo nella biomassa del diossido di carbonio.

L’Istituto per lo studio degli ecosistemi (Ise) del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr) spieg che «La crescita e lo stato di salute delle foreste sono sempre più  influenzati dai cambiamenti globali in atto, come l’aumento della temperatura, il cambiamento dei regimi di precipitazione, l’aumento dei livelli atmosferici di ozono e della deposizione di azoto. E’ quindi necessario monitorare questi cambiamenti e ii loro effetti sugli ecosistemi forestali per permetterne una gestione informata. Per questo, dal 1997 il Corpo forestale dello Stato (ora Carabinieri Forestali) coordina delle reti di monitoraggio che coprono l’intero territorio forestale nazionale. Il progetto LIFE SMART4Action si propone di ridisegnare le reti di monitoraggio e i metodi di interazione con il pubblico, per assicurarne la sostenibilità finanziaria nonostante i tagli di bilancio senza perderne la validità scientifica. Il progetto ha due finalità principali: 1.disegnare un nuovo sistema di monitoraggio che riduca i costi annui del 30%, riconoscendo però l’importanza delle statistiche nazionali e regionali per una gestione sostenibile delle foreste e dei relativi servizi sistemici e 2. migliorare la comunicazione e il trasferimento delle informazioni raccolte verso la cittadinanza e i principali attori della gestione del patrimonio forestale, con un processo partecipativo. L’analisi delle serie temporali di dati pregressi delle reti di monitoraggio permetterà di ottimizzare il numero di siti di monitoraggio, la frequenza e la distribuzione delle attività e di massimizzare le informazioni raccolte, individuando aree dove si può integrare il monitoraggio e la modellizzazione».

Uno deli obiettivi del progetto SMART4Action è quello di sviluppare ò anche «meccanismi per aumentare nel pubblico la consapevolezza dell’importanza del patrimonio forestale e delle reti di monitoraggio, coinvolgendo la popolazione locale nel monitoraggio di alcune variabili di base, organizzando corsi di aggiornamento e conferenze nelle località prossime ai punti di monitoraggio intensivo, producendo schede riassuntive dei risultati a livello nazionale e regionale e installando dei totem per l’accesso ai dati raccolti in prossimità di alcuni siti di monitoraggio forestale».

E’ in quest’ambito che l’Ise.Cnr ha prodotto due applicazioni per smartphone – SMART4action reporting e SMART4action citizen –  che permettono a cittadini, professionisti, amministrazioni di consultare i risultati delle due reti di monitoraggio sullo stato di salute delle foreste gestite dai Carabinieri Forestali. Le due applicazioni, sviluppate con il contributo dell’Unione Europea grazie al progetto Life SMART4action, sono disponibili gratuitamente su Google Play e App Store.

Con SMART4action reporting si può vedere dove si trovano i punti di monitoraggio e si possono consultare i principali risultati del monitoraggio.

Il Cnr spiega che «Le applicazioni funzionano anche sul campo, in assenza di connessione internet.  Le stesse informazioni possono essere viste anche su internet  e tramite servizi Web geografici.

Con SMART4action citizen i cittadini possono segnalare eventuali danni forestali incontrati durante camminate ed escursioni. Le segnalazioni vengono trasmesse via Internet e saranno visualizzate su una carta d’Italia in una pagina nel sito web dell’Ise.