Tirrenia, aggredito attivista Wwf

Stava documentando la distruzione del ripristino ambientale delle dune

[3 luglio 2014]

Secondo il Wwf è durata poco la riaffermazione della legalità nell’Oasi delle Dune di Tirrenia. L’associazione ambientalista denuncia che «i soliti “ignoti” hanno distrutto tutto il lavoro mirato al ripristino della legalità che era stato realizzato a seguito del “ripristino ambientale”  imposto dal Comune di Pisa nello scorso mese di aprile per rimettere in sesto i numerosi sbancamenti realizzati lungo il vialetto pedonale di accesso allo stabilimento balneare Hoasy, la demolizione di parte della duna sabbiosa e la creazione di numerosi parcheggi abusivi».

Sono state completamente distrutte tutte le staccionate poste a protezione dell’Oasi del Wwf,  ma il Panda a sottolinea che è successo un fatto ancora più grave: «Un attivista del Wwf che si apprestava a documentare i danni prodotti all’interno dell’area protetta, è stato oggetto di una aggressione da parte di uno dei gestori dello stabilimento balneare il quale, per impedire che venissero effettuate fotografie della situazione che si era venuta a creare dopo gli atti vandalici a danno dell’Oasi, lo ha inseguito gridandogli di non farsi mai più vedere nei paraggi e, afferrandolo violentemente per la mano destra gli ha provocato la frattura del pollice».

Dopo i vandalismi e l’aggressione, il Wwf chiede che istituzioni preposte intervengano immediatamente «per riaffermare la legalità all’interno dell’Oasi Wwf, transennando l’area oggetto degli interventi di distruzione della zona retrodunale e della macchia mediterranea, in attesa di individuare il responsabile, anche per prevenire ulteriori reati e possibili utilizzi impropri delle aree non più protette dalle staccionate».