Al via il bando Mise per Rilancio Livorno. Rossi: «Per l’avviso regionale proposte per 14 milioni»

In vista del bando sono arrivate 71 proposte progettuali

[7 novembre 2016]

Dopo la firma dell’accordo di programma per il Prri,  oggi il  ministero dello Sviluppo economico ha pubblicato l’avviso pubblico per la selezione di iniziative imprenditoriali, a cura di Invitalia, per il territorio dell’area di crisi industriale complessa dei Comuni di Livorno, Collesalvetti e Rosignano Marittimo.

L’avviso prevede agevolazioni, per complessivi 10 milioni di risorse, per attività imprenditoriali che si insedino nell’area e sarà aperto sia alle imprese manifatturiere che a quelle turistiche. Le domande di agevolazione devono essere presentate a partire dalle 12 del primo febbraio 2017 fino alle 12 del 3 marzo 2017.

La regione Toscana sottolinea che così «Entra nella fase operativa lo sforzo per la reindustrializzazione dell’area di Livorno».

La stessa Regione evidenzia che «Le iniziative imprenditoriali dovranno prevedere programmi di investimento produttivo o di tutela ambientale, comportare un incremento degli addetti, per spese ammissibili non inferiori a 1 milione e 500 mila euro. Il finanziamento agevolato sarà concesso sia in forma diretta, sia in conto impianti. I nuovi progetti dovranno prevedere un aumento dei posti di lavoro; sarà inoltre assegnata una premialità a questi progetti che prevedono l’assunzione di lavoratori licenziati o in cassa integrazione e mobilità».

In risposta all’avviso lanciato dal ministero  qualche mese fa in vista del bando sono arrivate 71 proposte progettuali presentate da piccole, medie e grandi imprese, di cui 64 di investimenti produttivi e 7 programmi di ricerca e sviluppo, per un valore complessivo di circa 200 milioni e una potenzialità stimata di circa 1280 addetti.

«A questo punto, con il via libera alle domande, si dovrà passare dai progetti ai fatti – si legge in una nota della Regione – La pubblicazione dell’avviso di Invitalia arriva in concomitanza con il primo positivo risultato del bando regionale per i protocolli di insediamento, che prevede risorse per 10 milioni di euro e si rivolge a grandi, medie e piccole imprese con interventi differenziati per dimensioni e tipologia (si va dai 10 milioni ai 250 mila euro di investimenti). Da una prima verifica sui progetti presentati alla scadenza del 31 ottobre, per quanto riguarda l’area di Livorno, sono arrivate proposte progettuali per oltre 14 milioni di euro, per un investimento complessivo, stimato, pari a circa 39 milioni di euro».

Il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, conclude: «Con la pubblicazione dell’atteso bando del ministero  si chiude una fase importante del percorso di reindustrializzazione che la Regione ha sostenuto con tenacia. Le manifestazioni di interesse potranno ora tradursi in realtà e i numeri che derivano dalle prime stime sono davvero incoraggianti. Se aggiungiamo a questo i risultati della prima scadenza del bando della Regione sui protocolli di insediamento, con un volume di richieste che ha già superato lo stanziamento iniziale previsto, credo si possa davvero parlare di una svolta, un segnale che qualcosa si sta muovendo e il nostro impegno per attrarre nuovi investimenti nell’area sta ricevendo una risposta positiva».