Alberi killer, la soluzione è la valutazione di stabilità degli alberi

Assoimpredia chiede a governo e Comuni l'obbligo della VTA e il rispetto della legge sugli spazi verdi urbani

[31 ottobre 2018]

La recente ondata di maltempo ha riportato alla ribalta il problema dei troppi alberi che cadono nei centri abitati facendo purtroppo anche vittime e L’Associazione nazionaleimprese di difesa e tutela ambientale (Assoimpredia) dice: «Basta morti, basta alberi killer. Serve subito un decreto legge che obblighi tutti i Comuni d’Italia ad avviare la “VTA” (Visual Tree Assessment) e a stilare un censimento degli alberi “Gis” con relativa analisi della staticità».

Il Geographic Information System è il sistema dedicato alla gestione informatizzata del verde pubblico e alla organizzazione della manutenzione delle aree verdi attraverso un approccio globale, quindi più efficiente, della loro gestione. L’applicativo consente di sapere, in qualsiasi momento, quanti e quali alberi si trovano in un parco, quando è stata effettuata l’ultima verifica e quali saranno gli interventi manutentivi necessari in futuro. Un sistema informativo unico per l’interrogazione, la gestione e l’aggiornamento dei dati sia che venga utilizzato dal manutentore, dalla stazione appaltante o dal cittadino. Il nuovo applicativo è una piattaforma dedicata alla manutenzione del verde pubblico progettata oltre 15 anni fa e ad oggi una delle più utilizzate dei soggetti che, a vario titolo, gestiscono parchi, giardini, alberature e i vari complementi d’arredo urbano.

Inoltre, dal 16 febbraio 2013 è in vigore la legge “Norme per lo sviluppo degli spazi verdi urbani”, che punta a uno sviluppo urbano secondo i princìpi del protocollo di Kyoto, sostenibile, rispettoso dell’ambiente e dei cittadini e nella piena consapevolezza e conoscenza del patrimonio verde cittadino. Assoimpredia  evidenzia che «L’importante ruolo che gli alberi, in particolar modo, rivestono nel controllo delle emissioni, nella protezione del suolo, nel miglioramento della qualità dell’aria, del microclima e della vivibilità delle città, rende strategica per qualsiasi amministrazione comunale la conoscenza dettagliata del proprio patrimonio arboreo». La legge, molto spesso ignorata, prevede che tutti i Comuni sopra i 15.000 abitanti si dotino di un catasto degli alberi e che per ogni bambino nato o adottato nei comuni sopra ai 15.000 abitanti venga piantato un nuovo albero.

Assoimpredia ha lanciato la proposta di utilizzare la VTa direttamente al governo e in particolare al ministro dell’ambiente Sergio Costa  e al ministro dell’agricoltura Gian Marco Centinaio, ai quali l’associazione indica anche «la possibilità di reperire le risorse necessarie attraverso i fondi europei», auspicando «la convocazione urgente di una conferenza Stato/Regioni».

Con l’analisi visiva prevista dalla “Vta”, che avviene attraverso l’osservazione e la rilevazione, da parte degli esperti, di eventuali difetti presenti sulle varie parti degli alberi (radici, tronco, chioma), è possibile valutare i problemi biologici e quelli meccanici di qualunque albero. Solo quando l’analisi visiva suggerisce una più approfondita ispezione, si ricorre all’analisi strumentale. Attraverso apparecchiature penetrometriche è possibile stimare la densità del legno e dunque valutare le operazioni di messa in sicurezza della pianta, o l’eventuale sradicamento. Assoimpredia ribadisce «la necessità, per la giusta valutazione delle condizioni di stabilità degli alberi, di rivolgersi a professionisti con competenze tecniche e scientifiche specifiche come i Dottori Forestali, quelli Agricoli e gli Agrotecnici con comprovata esperienza in materia».

Gianluca Bartolini, presidente nazionale di Assoimpredia, spiega che «La prevenzione è alla base del metodo VTA, messo a punto dall’università di Karlshure in Germania e si basa sull’assunto che i difetti statici interni di un albero solitamente sono collegati a determinati sintomi visibili già esternamente. Il metodo VTA consente dunque l’identificazione degli alberi a rischio statico attraverso due tipologie di analisi: visiva e strumentale.  La proposta che avanziamo al Governo nazionale ha già trovato sponda nel parlamentare Marzio Liuni (un deputato della Lega, ndr), componente della Commissione agricoltura della Camera dei deputati, che a sua volta ha già attivato il Ministro»

Luini conferma sulla sua pagina Facebook: «Sto preparando con il Governo un intervento a favore dei Comuni per finanziare in controllo puntale della stabilità delle Nostre Alberate… Basta Morti!!!!»,

Bartolini  conclude: «Assoimpredia ritiene inoltre che la valutazione di stabilità, insieme alle corrette cure arboriculturali, sia uno strumento indispensabile per una moderna e sicura gestione del patrimonio arboreo, riducendo o evitato tragedie come quelle verificatesi in questi ultimi giorni».