La Protezione civile avverte: «Necessario prepararsi per affrontare il maltempo autunnale»

Raccomandazioni specifiche nelle aree interessate da incendi boschivi: adesso sono più fragili

[5 settembre 2017]

Dopo un’estate caratterizzata da caldo, scarsità di piogge e incendi, infatti, è quanto mai necessario prepararsi al meglio per affrontare il maltempo autunnale che potrebbe determinare effetti pesanti sulla popolazione e sul territorio. È questo il perentorio avviso che il capo del dipartimento della Protezione civile, Angelo Borrelli (nella foto), ha inviato personalmente ai presidenti delle Regioni e delle Province autonome, ai prefetti, all’Associazione nazionale comuni italiani (Anci) e all’Unione delle province italiane, affinché il territorio non si trovi impreparato ora che il rischio è imminente.

L’estate 2017 ci sta lasciando, ma ha segnato in modo non indifferente il Paese: agosto è stato il terzo più caldo in Italia dal 1800, e durante tutta la stagione gli incendi hanno devastato una porzione sensibile – come documentato più volte su queste pagine – del patrimonio boschivo nazionale, accrescendo di fatto i rischi per l’autunno. Come spiegano infatti dalla Protezione civile, le aree interessate da incendi boschivi, oltre alla perdita di suolo fertile e di vegetazione, sono adesso minacciata da fenomeni di dissesto dei versanti che facilitano, in caso di piogge intense o prolungate, l’erosione del terreno e il possibile innesco di frane o di caduta massi improvvisa.

«Le procedure di prevenzione e di intervento possono essere davvero efficaci se condivise, comprese e applicate» in modo coordinato da parte di tutti i soggetti del sistema di protezione civile, e quindi anche della popolazione, sottolinea Borrelli; ragione per cui è «di fondamentale importanza che il piano di emergenza venga costantemente aggiornato», che tutti i soggetti coinvolti siano preparati, anche attraverso esercitazioni, e che la cittadinanza sia informata sui corretti comportamenti da adottare prima, durante e dopo un evento.

Un appello che la Conferenza delle regioni e delle province autonome ha fatto proprio, ricordando inoltre che nel sito della Protezione civile sono presenti anche i materiali divulgativi definito per la campagna  “IO NON RISCHIO Alluvione” (consultabile anche sul sito ), un utile riferimento informativo per i cittadini che può aiutare a non farsi trovare impreparati in caso di calamità.