Livorno, approvato il Piano operativo provinciale antincendi boschivi

Dal 1 luglio scatterà il periodo a rischio per lo sviluppo di incendi

[13 giugno 2013]

Con l’estate che incalza, come ogni anno il rischio incendi si fa più palpabile, anche sul nostro territorio. La Provincia di Livorno, dunque, reagisce approvando il  Piano Operativo Provinciale antincendi boschivi 2013. Il Piano, che resterà in vigore fino al 31/5/2014, definisce le procedure operative per il personale che opera sul territorio, descrive i servizi attivati dalle singole strutture per ciascun territorio comunale e fornisce un inventario delle aree percorse dal fuoco nell’anno precedente (2012).

Scatterà regolarmente dal 1° luglio il periodo a rischio per lo sviluppo degli incendi boschivi, durante il quale sono in vigore  disposizioni più restrittive relative al divieto di accendere fuochi e compiere altre operazioni che possano favorire lo sviluppo di incendi nei boschi e  sanzioni amministrative maggiorate.

Da quest’anno le attività antincendio della Provincia si avvarranno del modello indice di rischio AIB, strumento adottato dalla Regione Toscana per definire con precisione il reale livello di rischio incendi  dei vari territori. Tale strumento sarà utilizzato, ad esempio,  per stabilire l’inizio e la fine del periodo  di maggior attenzione, durante il quale sono intensificate le azioni  di prevenzione. In questo modo sarà possibile ottimizzare i servizi previsti nella fase di  “alta operatività”, modulandoli per ogni singola Zona (per la Provincia di Livorno si tratta delle tre zone Nord/Sud/Elba) in maniera coerente all’andamento meteo climatico.

Sulla base dell’elaborazione dei dati rilevati dal Bollettino Rischio Incendi Boschivi della Toscana (B.R.I.) e considerato il perdurare di una situazione meteo-climatica stagionale caratterizzata  da instabilità e precipitazioni, l’inizio del periodo di ‘alta operatività’ è  slittato al 20 giugno, salvo ulteriori decisioni da parte della Regione Toscana.