Nuova strada del Faro del Fenaio all’Isola del Giglio, Legambiente scrive a Franceschini e Pinotti

Chiarire tutti gli aspetti di un intervento dal forte impatto ambientale e paesaggistico

[19 aprile 2017]

Legambiente Arcipelago Toscano ha scritto al ministro dei beni culturali Dario Franceschini e per conoscenza alla ministra della difesa Roberta Pinotti per chiedere loro  se  sono a conoscenza che nella zona settentrionale dell’Isola del Giglio, da febbraio ad oggi,  è stata costruita una strada carrabile in un’area protetta da una Zona speciale di Conservazione (ZSC – Direttiva Habitat) e Zona di protezione speciale  (ZPS – Direttiva Uccelli).

Nella Lettera gli ambientalisti spiegano che «La strada è stata costruita sulla base di un sentiero (strada vicinale) che fino ad alcuni decenni fa serviva ai contadini per arrivare a piedi ai propri terreni. Attualmente invece è destinata a servire il faro del Fenaio, uno dei Fari inclusi nel Progetto “Valore Paese-Fari” promosso dal Ministero della Difesa». Il progetto della strada è stato approvato dagli Uffici responsabili della Regione Toscana, dalla Soprintendenza per le Province di Siena, Grosseto ed Arezzo e dal Comune dell’Isola del Giglio.

Gli ambientalisti lamentano di aver ricevuto risposte imprecise rispetto alle loro richieste di chiarimenti avanzate alle diverse istituzioni e comunque «orientate a giustificare l’approvazione come normale attività di “manutenzione” del sentiero».  Legambiente evidenzia che risulterebbero sopralluoghi da parte dei Carabinieri Forestali che avrebbero constatato diverse irregolarità.

Nella lettera a Franceschini si legge: «In genere, da quello che abbiamo potuto ricostruire sembra che le autorizzazioni per la costruzione della strada carrabile siano state concesse sulla base di una richiesta di “manutenzione” dell’antico sentiero. Il sentiero era così’ antico che dalle foto aree (verificate almeno dal 1976 in poi) non era rilevabile perché  ricoperto da densa macchia mediterranea a differenza della ben evidente  attiva sentieristica isolana. Le attività di manutenzione o di ristrutturazione/costruzione di una strada seguono percorsi di valutazione-controllo e approvazione ben diversi. Prima della costruzione della nuova strada, il transito al faro era garantito da una serie di sentieri diversi dall’attuale tracciato della strada carrabile, ben percorribili e periodicamente ripuliti. Si fa presente che per quanto riguarda, ad esempio, la valorizzazione del Faro del Capel Rosso, a sud dell’isola, nel territorio del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano, è stato previsto l’utilizzo dei sentieri esistenti e non la realizzazione di una nuova strada carrabile».

Legambiente Arcipelago Toscano fa notare che «La nuova strada carrabile di servizio per il faro del Fenaio a settentrione è larga tra i 2.5 e i 3-4 metri a seconda delle aree e lunga circa 1 km (l’intera isola è lunga 8 km), con un forte impatto paesaggistico e ambientale».

Dopo aver ribadito la grande importanza naturalistica e archeologica di un’area «dove ogni intervento dovrebbe puntare ad un’attenta conservazione e valorizzazione di un patrimonio che è anche culturale, storico e paesaggistico», il Cigno Verde dell’Arcipelago Toscano chiede un intervento urgente di Franceschini anche per «chiarire come gli organi preposti al processo di valutazione e autorizzazione di questo intervento di forte impatto sull’ambiente e sul paesaggio abbiano controllato, valutato e potuto autorizzare la costruzione di questa strada» e «se il progetto “Valore Paese-Fari” abbia incluso, come in questo caso, interventi in deroga agli specifici vincoli ambientali e paesistici presenti».