Il Parlamento europeo boccia nuovamente il collegamento autostradale A27 Venezia-Monaco

Cipra Italia: «Mettere la parola fine al progetto insensato dell'autostrada dell'Alemagna»

[26 ottobre 2016]

autrostrada-no-grazie

Il Parlamento Europeo, con ben 539 voti contrari e soli 117 favorevoli ha rigettato la riproposizione del vecchio progetto autostradale di prolungamento della A 27. E la Commissione internazionale per la protezione delle Alpi (Cipra) Italia parla di «Un segnale di buon senso e razionalità».

La Cipra spiega che la bocciatura è avvenuta con la votazione sulla proposta di risoluzione per la parte contenente gli emendamenti approvati in Commissione trasporti (26 settembre 2016) «volta a rimettere in campo la proposta di collegamento autostradale tra Venezia e Monaco. Si trattava di un ritorno carsico per un’idea progettuale in palese contrasto con il Protocollo Trasporti della Convenzione delle Alpi che prevede espressamente il divieto della costruzione di nuove strade di grande comunicazione attraverso le Alpi (Art. 11, comma 1)».

Un successo dell’azione congiunta e condivisa di associazioni nazionali e internazionali, comitati locali, istituzioni locali che «adeguatamente recepita dai parlamentari europei ha dato ragione dell’assurdità e dell’inutilità dell’opera ed ora si auspica che con questa ennesima bocciatura si possa finalmente mettere la parola fine al progetto insensato dell’autostrada dell’Alemagna».

Cipra conclude: «E’ tempo di mettere in campo e realizzare idee progettuali moderne e innovative che permettano di rendere davvero sostenibile la mobilità locale, regionale e trasfrontaliera, mediante il trasferimento modale a partire dal potenziamento e ammodernamento della linea ferroviaria esistente e con la chiusura di un percorso ad anello attraverso le Dolomiti».