Partita la Colonna mobile toscana per spalare neve nelle zone colpite dal terremoto

Ancora una volta in prima fila per contrastare l’emergenza con 12 squadre, 7 bobcat e 3 automezzi

[19 gennaio 2017]

Come già accadde immediatamente dopo il terremoto del 24 agosto, anche stavolta la Toscana davanti all’emergenza che ha colpito i territori e le popolazioni vicine risponde presente e invia aiuti.  «È partita stamani alle 5.30 la Colonna mobile della Protezione civile toscana diretta – informano dalla Regione – nella provincia di Macerata per fornire il servizio di spalatura neve nelle zone colpire dal terremoto. In particolare, le squadre toscane andranno nei comuni di Muccia, Pievebovigliana, Pieve Torina e Fiordimonte».

Appena giunti sul posto, condizioni meteo e logistiche permettendo, proprio a Muccia sarà svolta la riunione con la Regione Marche per ricevere indicazioni sulle attività da svolgere.

Molte strade «sono interrotte a causa della neve abbondante, i cumuli arrivano fino a due metri – comunicano dalla Regione –  Dalla Toscana arriveranno: 12 squadre (3 persone a squadra dotati di pale e similari) dotate tutte di brande e sacchi a pelo inoltre; 4 frese manuali; 7 bobcat di cui 3 dotati di fresa; 1 autocarro con cassone 4×4 ribaltabile 3 lati con portata da 90 quintali; un trattore con fresa (fornito dagli enti locali); un camion con vomere (fornito sempre dagli enti locali). La colonna è accompagnata da un modulo vivande calde e da segreteria».