La denuncia di Green Italia dopo le parole del ministro Lupi sul “piano” per salvare l'opera

Pedemontana: «480 milioni di euro pubblici per un’autostrada inutile»

[5 marzo 2014]

Anche il Governo Renzi punta sul debito pubblico per finanziare autostrade inutili. Non solo ma il nuovo contributo, ora al vaglio del CIPE, toglierebbe ogni credibilità ai project financing  italiani visto che gli appalti sono già stati assegnati con l’impegno che i costruttori verranno pagati dai futuri pedaggi. Ancora una volta la favola raccontata in questi anni per far credere che le tante autostrade progettate durante ‘l’era formigoniana’ sarebbero state realizzate solo con i soldi dei privati si è rivelata quella che è: una favola appunto, e a pagare saranno i contribuenti.

Per la Brebemi c’è voluto un massiccio intervento della Cassa Depositi e Prestiti, per la Tem (Tangenziale esterna milanese)  sono arrivati in soccorso 350 milioni dal Decreto del fare ed ora Lupi pensa ad un bonus fiscale di 480 milioni per la Pedemontana lombarda. È così che si salva dal fallimento il polo autostradale lombardo.

Come si fa ora a cambiare le regole e a dare un bonus al vincitore a closing financing chiuso? Un bonus che altro non è che un aiuto di Stato, e che dovrebbe dunque essere autorizzato dalla Ue prima della concessione. Pedemontana  e le altre autostrade non sono solo un drammatico flagello ambientale per un territorio già ferito da una crescita selvaggia, ma si sono rivelate poco utili perché bastava il potenziamento della rete stradale esistente ed un riordino della rete ferroviaria.

Monica Frassoni e Dario Balotta – Green Italia