Riceviamo e pubblichiamo

Piano strutturale di Lucca: «Il Comune ha negato la partecipazione a cittadini e associazioni»

Osservatorio Città di Lucca e dei suoi Comuni: «Violata la legge regionale»

[26 maggio 2016]

lucca

Apprendiamo dalla stampa che l’Amministrazione Comunale di Lucca intenderebbe adottare il prossimo 30 maggio la Proposta di Piano Strutturale al vaglio della Commissione Urbanistica.

Rimaniamo sbigottiti per come l’Amministrazione Comunale non abbia provveduto ad organizzare adeguatamente la propria struttura per informare i cittadini interessati, e per mettere loro a disposizione la documentazione della proposta di Piano Strutturale da adottare, nonostante l’ingente impegno economico di 150000 euro fra consulenti e comunicazioni alla città, profuso solo nella fase iniziale di creazione del quadro conoscitivo, per assicurare la cosiddetta “partecipazione” di cui la “proposta di Piano Strutturale” dovrebbe essere uno dei prodotti!

Si sottolinea che la legge regionale n. 65 del 2014 obbliga il responsabile del procedimento ad assicurare, a chiunque ne faccia richiesta e senza obbligo di motivazione, l’accesso e la disponibilità degli atti amministrativi relativi ai procedimenti di formazione degli atti di governo del territorio. La stessa norma prescrive che prima dell’adozione dell’atto, il responsabile del procedimento assicuri l’acquisizione di tutti i pareri richiesti dalla legge, incluse eventuali segnalazioni, proposte, contributi e condizioni, formulati dai soggetti interessati, pubblici e privati.

Non solo, sempre la legge 65, individua come fulcro il garante dell’informazione e della partecipazione, il quale è tenuto ad attuare ogni necessaria iniziativa, nelle diverse fasi procedurali di formazione degli atti di governo del territorio, le informazioni relative a tali proposte, comprese tra l’altro le informazioni sul diritto di partecipare al processo decisionale e sull’autorità competente a cui possono essere sottoposte osservazioni o quesiti.

Infine, anche il regolamento comunale che disciplina le funzioni del Garante della comunicazione, stabilisce che il Garante debba provvedere affinché, in ogni fase del procedimento di formazione od approvazione, modifica o riesame, il pubblico sia informato, attraverso avvisi oppure in altra forma adeguata e fruibile, in modo che siano rese accessibili al pubblico le informazioni relative alle proposte citate.

Rileviamo anzi una totale cesura nelle fasi antecedenti l’adozione del Piano, testimoniata dalla denuncia che persino i consiglieri Comunali componenti la Commissione Urbanistica, cittadini anch’essi, hanno espresso pubblicamente, come emerso sulla stampa, per l’aver ricevuto con grave ritardo, nel mese di aprile, il materiale completo, costituente la proposta di Piano Strutturale.

Quindi se tutto è stato fatto secondo legge, come mai, ad oggi, non esiste un luogo realmente accessibile dove poter consultare la documentazione? Sarebbe stato sufficiente predisporre una pagina WEB dell’amministrazione comunale con i documenti della proposta di Piano Strutturale ma non lo si è fatto.

Richiediamo pertanto all’amministrazione comunale che, a valle dell’iniziale confronto con la cittadinanza in programma il 26 maggio prossimo, sia data concretezza e ottemperanza agli obblighi di legge che sanciscono il diritto di informazione e partecipazione.

La violazione delle norme sulla partecipazione minano infatti la legittimità dell’adozione del Piano, dal momento che sono stati disattesi i diritti dei cittadini e delle associazioni. Ove non venga sanata dall’Amministrazione la violazione denunciata, diventerà necessaria la tutela da parte degli organi pubblici di controllo.

di Osservatorio Città di Lucca e dei suoi Comuni*

*Italia Nostra Lucca, Legambiente Lucca, WWF Alta Toscana Onlus, Ambiente e Futuro per Rifiuti Zero, Assi Viari, Comitato anti elettrosmog del centro storico, Comitato anti elettrosmog di San Vito, Comitato cittadino di Sant’Alessio, Comitato San Concordio, Lucca Bene Comune, Lucca Est Sergio Ghiselli, Lucca per una Sanità Migliore, Parco S.Anna Onlus, Perla – Per l’Ambiente, Per non Morire, Pro Ponte in Giusto Loco, Rete Comitati Sanità Lucchese, Salviamo il Paesaggio, Starc, Stop al Consumo di Territorio, Stop TTIP, Vivere il Centro Storico