Quando prevenzione e controlli portano risultati

Piromane incendia 3mila metri quadri di vegetazione, beccato dalla Forestale

[9 luglio 2013]

«La notizia dell’arresto del piromane di Asciano Pisano va salutata con soddisfazione perché è la testimonianza dell’intelligente e importante lavoro di repressione che il Corpo Forestale dello Stato porta avanti con determinazione». Non nasconde la propria soddisfazione l’assessore regionale all’Agricoltura, Gianni Salvadori, di fronte alla scoperta dell’autore dei numerosi tentativi di appiccare il fuoco nel comune di San Giuliano Terme (Pi), attualmente trattenuto agli arresti domiciliari – come riferisce una nota della Regione –  per evitare che possa ripetere altre azioni dolose.

Il piromane, autore dell’incendio che ha interessato circa 3.000 metri quadrati di vegetazione lungo il Serchio in località Rigoli, ad Asciano nel comune di San Giuliano Terme, è stato individuato in seguito ai numerosi tentativi di incendio che si erano verificati in quell’area. I più recenti erano stati del 17 giugno, dove fortunatamente andarono a fuoco soltanto 25 metri quadrati di vegetazione e lo scorso 3 luglio, giorno in cui i danni furono limitati a soli 10 metri quadrati. Sono stati questi i campanelli d’allarme che hanno portato sulle tracce dell’autore che è stato individuato questa mattina.

«Si tratta – chiosa Salvadori – della prova evidente che è giusto insistere nell’azione di prevenzione e nei controlli. Non dobbiamo quindi abbassare la guardia perché la stagione a rischio è appena iniziata e la lotta agli incendi, dolosi e non, deve vederci tutti impegnati ad evitare danni seri al nostro patrimonio verde».