Il premio nazionale “Umberto Zanotti Bianco 2017” all’ex assessore regionale Anna Marson

Premiati anche Eichberg, Tansi, Vigili del Fuoco, Cambiano e Segalla

[24 novembre 2017]

Il presidente nazionale di Italia Nostra, Oreste Rutigliano, alla presenza dei presidenti onorari  dell’Associazione, Desideria Pasolini dall’Onda e Nicola Caracciolo, ha conferito oggi il “Premio nazionale Umberto Zanotti Bianco”, prestigioso riconoscimento è stato istituito da Italia Nostra a memoria del grande intellettuale, fra i fondatori nel 1955 e primo presidente dell’Associazione,  ad alcuni valorosi funzionari dello Stato ad Anna Marson con la seguente motivazione:«Per l’attività svolta come Assessore regionale all’Urbanistica, Pianificazione del territorio e Paesaggio della Regione Toscana. In una sola legislatura è riuscita a elaborare e portare all’approvazione la nuova legge regionale di Governo del territorio e il Piano paesaggistico regionale, rientrando successivamente nel suo ruolo universitario.  La riforma della legge regionale toscanaha introdotto – prima in Italia – una serie di dispositivi operativi per il blocco del consumo di suolo (la perimetrazione delle aree urbanizzate, in sinergia con le analoghe disposizioni del Piano paesaggistico) e la riqualificazione delle aree già urbanizzate; ha istituzionalizzato la partecipazione strutturata dei cittadini quale adempimento necessario alla formazione dei piani urbanistici, e individuato una serie di verifiche da effettuarsi congiuntamente tra Regione e Comuni, riportando le decisioni urbanistiche in un ambito di confronto pubblico più ampio. Il percorso di redazione e approvazione del Piano è stato oggetto di attacchi violenti, sia della carta stampata, che in incontri pubblici trasmessi dalle televisioni locali. Nonostante questo calvario mediatico, il Piano è stato salvato dalla mediazione del Ministero dei beni culturali, messa in atto anche grazie a una straordinaria mobilitazione da parte delle principali associazioni ambientaliste nazionali e di cittadini scesi in piazza, che ha fatto intendere al Consiglio regionale come alcune cose potessero essere riviste lasciando intatto l’impianto normativo. La sua azione ha avuto anche un importante valore didattico approvando e accogliendo appieno, con vera lungimiranza, il progetto di Italia Nostra di educazione al paesaggio nelle scuole e fra i cittadini».

Gli algtri premiati sono:

Margherita Eichberg architetto-dirigente MiBACT, «per la professionalità e coerenza nella coraggiosa difesa del patrimonio culturale in Toscana, Calabria ed a Roma, portando avanti azioni finalizzate alla salvaguardia del territorio, sempre schierata contro i poteri forti».

Carlo Tansi, geologo, direttore della Protezione civile della Calabria, «per impegno, competenza e coraggio. Ha ristrutturato la Protezione civile, una volta carrozzone clientelare, “per riportarla alle nobili origini”, resistendo a indebite pressioni e denunciandole alla magistratura. In prima linea nella lotta ai recenti roghi estivi, a difesa del patrimonio comune e della legalità».

Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco nella persona del Comandante nazionale, rappresentativo dell’operato di tutto il personale,  «per la straordinaria attività svolta durante i numerosi terremoti dell’Italia centrale, intervenendo a difesa delle vite umane e del patrimonio artistico. In prima linea sul fronte degli incendi estivi, anche per sopperire all’accorpamento del Corpo Forestale dello Stato ai Carabinieri (e contrastato da Italia Nostra)».

Sono inoltre stati assegnati un riconoscimento straordinario ufficiale ad Angelo Cambiano, ex sindaco di Licata, «per l’intraprendenza e il coraggio nella lotta all’abusivismo edilizio, piaga che funesta gran parte delle coste della Sicilia, agendo così in difesa del paesaggio e dell’ambiente contro l’avanzata del cemento» e una menzione speciale ad memoriam, a Renzo Segalla, già ingegnere capo del Comune di Bolzano, «per l’opera svolta con dedizione, onestà e competenza a difesa del territorio, dimostrando grande sensibilità ed attaccamento alla Provincia di Bolzano sempre con atteggiamento propositivo e generoso».