Roma: non si farà (per ora) il mega centro commerciale nel Municipio X

Il Comitato “No al mega entro commerciale” alla Giunta Raggi: “cemento zero” nell’area

[7 dicembre 2016]

«L’ecomostro  non si farà… per ora». Ad annunciarlo è il  Comitato “No al mega entro commerciale” che ha informato i cittadini del X Municipio  sul «primo arresto amministrativo allo scellerato progetto».

Il comitato, che è stato formato all’inizio di quest’anno da un folto gruppo di associazioni, Consiglio di quartiere e cittadini, si è costituito subito  dopo  aver appreso dell’esistenza di «un progetto – presentato a Roma Capitale da una società appartenente al gruppo “Esselunga” – che prevedeva la costruzione di un Mega Centro Commerciale a lato della Via C. Colombo, a 1 km. dal mare».

Il Comitato “No al mega entro commerciale” sottolinea che «Era evidente che le conseguenze dell’edificazione sarebbero state nefaste per l’intero Municipio, con ricadute su: viabilità già al collasso, dissesto idrogeologico, crisi delle piccole e medie imprese, perdita di posti di lavoro».

In poche settimane il Comitato ha raccolto moltissime firme, sia ai banchetti che attraverso petizione on line e ha organizzato manifestazioni, flash-mob e smart-mob e pubblicato approfondimenti  che hann fatto conoscere all’opinione pubblica dl mega centro commerciale. Alla fine di questa opera informativa e di contrasto civico c’è stata un’assemblea molto partecipata.

Al Comitato spiegano che «L’invito era stato rivolto a tutte le forze politiche presenti sul territorio che, nella quasi totalità, si professarono solidali con i cittadini e nettamente contrarie al progetto. Ad elezioni avvenute, il Comitato si è mosso in duplice direzione: politica, chiedendo a rappresentanti della nuova Giunta di mantenere gli impegni presi; amministrativa, con una serie di istanze di accesso agli atti, finalizzate ad acquisire informazioni sull’iter in corso».

Un lavoro che sembra aver dato i suoi frutti: «Oggi siamo in grado di informare i cittadini del fatto che, proprio a livello amministrativo, c’è stato un primo “Stop” al mega centro commerciale – si legge in un comunicato di “No al mega entro commerciale” – Una Determinazione Dirigenziale del 12 ottobre scorso, emessa dal Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica di Roma Capitale, a firma del Responsabile della Sezione “Riqualificazione Urbana” del Dip.to, dopo una serie di rilievi, così conclude: “[…] Determina la chiusura per vizio istruttorio/procedurale della Conferenza di Servizi del 9 novembre 2015, convocata ai sensi dell’art. 14 ter della L. 7 agosto 1990, n. 241 ed avente ad oggetto la variante ad uno strumento urbanistico relativo al Patto Territoriale Ostia, Via Cristoforo Colombo – Via Canale della Lingua, il cui attuale stato procedurale non dispiega alcuna efficacia urbanistica”».

Ma è lo stesso Comitato ad invitare ad essere prudenti: «Sembrerebbe questa una buona notizia… Ma il vizio di forma non depone definitivamente il progetto in quanto, trattandosi di provvedimento amministrativo, è soggetto a possibili ricorsi, i cui esiti sono spesso molto incerti».

Per questo il Comitato si rivolge direttamente alla giunta della sindaca Raggi e dice che «Occorre quindi un vero e proprio atto politico in grado di mettere la parola fine a questa vicenda. Nei prossimi giorni verrà quindi chiesto un incontro con gli attuali Organi di Governo del Campidoglio, nel corso del quale – oltre alla consegna delle migliaia di firme raccolte – si proporrà di addivenire al più presto ad una risoluzione dell’Assemblea Capitolina, che garantisca il cosiddetto “cemento zero” nell’area verde interessata dalla proposta di edificazione di un mega centro commerciale».