[15/02/2010] News

E lo Utah annuncia: Il global warming non esiste. E un complotto ambientalista...

LIVORNO. I senatori del centro-destra italiano non sono più soli, ma la compagnia potrebbe essere imbarazzante anche per loro: la House of Representatives dello Stato statunitense dell'Utah, (dove vive una maggioritaria comunità di mormoni che del resto nega anche l'evoluzione delle specie e che ha imposto l'insegnamento del creazionismo a scuola) ha votato un progetto di legge che nega l'esistenza del cambiamento climatico.

I parlamentari  dello Stato più conservatore e repubblicano degli Usa, il vero e proprio cuore reazionario della "Bible-belt", hanno infatti votato (56 favorevoli, 17 contrari) una mozione contro gli «allarmisti del clima» che nega qualsiasi base scientifica del global warming e sostiene che le emissioni di CO2 sono «Sostanzialmente innocue per gli esseri umani e buone  per le piante».

Secondo i repubblicani della camera dei rappresentanti di Sal Lake City, (molti dei quali eletti direttamente in rappresentanza della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni, meglio conosciuti come mormoni), la scienza del clima è solo «Uno sforzo ben organizzato e in corso, con all'interno i relativi trucchi, per manipolare i dati della temperatura globale, al fine di produrre un risultato di global warming». Poi i neo-con antidarwiniani dello Hutah accusano gli scienziati di voler utilizzare la teoria del cambiamento climatico per i loro sporchi fini: «In ultima analisi, bloccare a lungo termine miliardi di esseri umani in condizioni di povertà».

Uno dei più esagitati repubblicani, tale Mike Noel, ha detto che «Gli ambientalisti fanno parte di una vasta cospirazione per distruggere l'American way of life e controllare la popolazione mondiale attraverso la sterilizzazione forzata e l'aborto».

Solo alla fine ha prevalso un minimo di vergogna e dall'ultima versione del disegno di legge è stata tolta la parola "conspiracy" (cospirazione o complotto) e la scienza climatica è stata definita magnanimamente  "questionable" (discutibile) ed anche "flawed" (imperfetta). Il parlamento dello Hutah ha però affermato, contro ogni evidenza scientifica, che i dati al rialzo delle temperature globali sono stati screditati ed ha inoltre invitato la Environmental protection agency federale (Epa) ad ordinare l'immediata cessazione di tutte le sue iniziative per regolamentare le emissioni di gas serra «Fino a quando non saranno sostenute da un'inchiesta completa e indipendente sui dati climatici e sulla scienza del global warming».

Viene da chiedersi se la valutazione scientifica indipendente dovrebbe essere fatta da chi è convinto che il mondo e l'intero universo siano stati creati circa 4 mila anni fa ed esattamente nel modo e nei tempi in cui lo descrive la Bibbia. Noel ha dato la linea per probabilmente alla destra religiosa Usa, chiudendo il dibattito parlamentare con una chiusura degna della sua visione integralista del mondo: «A volte dobbiamo avere il coraggio di non fare nulla».

Torna all'archivio