[31/01/2011] News

A Milano la domenica a piedi non ha sortito effetti positivi: scattata la fase due del piano "Aria pulita"

FIRENZE. A Milano è scattata oggi la seconda fase del "piano" Moratti contro lo smog, denominato "Aria pulita". Sono state bloccate le auto a benzina Euro 1 e 2 e le diesel Euro 3 e 4 nell'area Ecopass (all'interno della Cerchia dei Bastioni) dalle 7:30 alle 19:30. Il provvedimento riguarda circa 13500 veicoli, circa il 18% di quelli che di solito entrano nell'are centrale della città.

Inoltre, per chi è in possesso della deroga a circolare nell'area Ecopass è scattato il pagamento del ticket d'ingresso. Invece prosegue lo stop totale, per tutta la città ad orario continuato, per le vetture più inquinanti come le benzina Euro 0 e le diesel Euro 0, 1 e 2. Questo provvedimento, che rimarrà in vigore finché per 72 ore di fila gli agenti inquinanti disciolti nell'aria non ritorneranno entro i limiti previsti dalla normativa, è stato reso necessario dopo che neppure la prima domenica ecologica del 2011 (otto ore di blocco del traffico su tutto il territorio comunale) ha fatto abbassare le polveri sottili.

L'Arpa ha registrato ancora valori di pm10 al di sopra del limite consentito dall'Unione europea (50 microgrammi per metro cubo) nelle centraline di Città Studi (52), Verziere (62) e via Senato (66). Considerato che ormai da 19 giorni a Milano si registrano sforamenti, è probabili che i provvedimenti previsti dall'ordinanza rimangano in vigore tutta la settimana e che il 6 febbraio sia ripetuta la domenica a piedi.

A meno che la giunta Moratti cambi linea dando ascolto alle molte lamentele che hanno fatto seguito all'adozione del provvedimento: alcuni commercianti, intanto, hanno dichiarato che se questa situazione andrà avanti, li costringerà a chiudere gli esercizi.

Torna all'archivio