Geopolitica

Per riprendersi dalla crisi economica del Covid-19 è necessario un cambio di paradigma per clima e sviluppo

Guterres: per ridurre le disuguaglianze estreme, i governi prendano in considerazione una tassa di solidarietà o sul patrimonio

Il Financing for Development Forum and SDG Investment dell’ United Nations Economic and Social Council (ECOSOC), sta discutendo del finanziamento allo sviluppo ed è la piattaforma globale per la revisione delle iniziative sul finanziamento in linea con gli Obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) dell’Onu. L'evento di quest'anno punta a promuovere le azioni prioritarie per mettere il...

Incidente nell’impianto nucleare di Natanz, per l’Iran «è stato un atto terroristico»

Un avvertimento israeliano per i colloqui in corsi a Vienna per riaprire l’accordo nucleare con l’Iran?

«L'incidente avvenuto nella rete elettrica dell'impianto di arricchimento dell'uranio di Natanz è un atto di terrorismo». L’accusa arriva direttamente dal capo dell'Organizzazione per l'energia atomica iraniana (AEOI), Ali Akbar Salehí che ha aggiunto: «Condannando questo atto deplorevole, la Repubblica islamica del’Iran sottolinea la necessità per la comunità internazionale e l’International atomica energy agency di affrontare...

Nel Tigray la guerra non è mai finita. Situazione umanitaria disastrosa

Città svuotate dopo la conquista etiope. 4,5 milioni di persone necessitano di assistenza salvavita. In grave pericolo i profughi eritrei

Secondo Stéphane Dujarric, il portavoce del segretario generale dell’Onu, «In Etiopia, la situazione umanitaria nel Tigray rimane disastrosa. Sebbene vi sia stato un sostanziale miglioramento nell'accesso umanitario, sono state segnalate ostilità attive nelle zone nordoccidentale, centrale, orientale, sud-orientale e meridionale». Alcuni partner umanitari dell’Onu che hanno avuto accesso alle città di Gijet e Samre, nelle zone...

Nella Repubblica democratica del Congo la fame ha raggiunto dimensioni spaventose

Allarme di Fao e Rdc: 27,3 milioni di persone a rischio fame

Secondo la Fao e il Worl food programme (WFP), «Nella Repubblica democratica del Congo (RdC), la situazione della sicurezza alimentare rimane disperata, con una persona su tre in preda alla fame acuta». Un allarme confermato dal recente rapporto “Analyse IPC de l’insécurité alimentaire aiguë Février – Décembre 2021” dell’Integrated Food Security Phase Classification (IPC), secondo il...

Gli Usa disponibili a ritornare nell’accordo nucleare con l’Iran

Iraniani e cinesi: la revoca delle sanzioni Usa è il primo passo per far rivivere l’accordo nucleare

Oggi le potenze mondiali firmatarie del Joint Comprehensive Plan of Action (JCPOA), Cina, Francia, Russia, Regno Unito (membri permanenti del Consiglio di sicurezza dell’Onu), Germania e Iran (G5 + 1 – Iran) si sono confrontate online nella 18esima riunione della Commissione mistal per discutere il possibile ritorno degli Stati Uniti nell’accordo nucleare con l'Iran dal...

Un Paese su 8 spende di più per il debito che per l’istruzione, la salute e la protezione sociale messi insieme

Rapporto Unicef: nei paesi fragili, la crisi del debito minaccia la spesa per il sociale

Il rapporto “COVID-19 and the Looming Debt Crisis”  dell'ufficio di Ricerca Unicef - Innocenti  dimostra che «25 Paesi – la maggior parte già gravati da povertà e privazioni – hanno speso nel 2019 una percentuale maggiore delle spese totali governative in pagamenti del debito rispetto a servizi scolastici, sanitari e di protezione sociale, sommati insieme». Secondo...

World in 2030 Unesco: cambiamento climatico e perdita di biodiversità le maggiori preoccupazioni per il futuro, soprattutto per i giovani

Sondaggio globale Unesco: seguono guerre, discriminazione e disuguaglianza e mancanza di cibo, acqua e alloggi

L’Unesco ha pubblicato il suo nuovo rapporto/indagine “The World in 2030” che presenta i risultati di un sondaggio interattivo e di una consultazione che raccoglie le risposte di oltre 15.000 persone in tutto il mondo e fornisce approfondimenti globali sulle sfide più urgenti per la pace e le società nel prossimo decennio, comprese le preoccupazioni...

Venti di guerra fredda sulla COP26 nell’anno decisivo per clima, persone e pianeta (VIDEO)

Onu: è necessaria una maggiore azione per il clima. India: il net zero e «la torta in cielo» dei Paesi ricchi

Intervenendo al Climate and Development Ministerial Meeting la vice-segretaria generale dell’Onu, Amina Mohammed, ha ricordato che «I mondo ha bisogno di una svolta importante per rallentare il ritmo del cambiamento climatico e costruire la resilienza per proteggere i più vulnerabili da impatti climatici sempre più gravi e frequenti». Il meeting, ospitato dalla Gran Bretagna, doveva...

Agire subito e in maniera decisiva per evitare che la crisi del debito soffochi numerosi Paesi

La crisi del Covid-19 mette a rischio gli Obiettivi di sviluppo sostenibile e quelli climatici

Mentre il mondo lotta per superare la devastazione umana ed economica della pandemia di CovidD-19, i premier del Canada Justin Trudeau e della Jamaica Andrew Holness e il segretario generale dell’Onu  António Guterres hanno convocato oggi la Financing for the Development in the Era of COVID-19 and Beyond Initiative (FFDI), una riunione di leader mondiali...

La crisi del Covid-19 potrebbe far perdere al mondo un decennio di sviluppo

Occorrono più finanziamenti per affrontare le crescenti disuguaglianze e ricostruire meglio

Secondo il nuovo “Financing for Sustainable Development Report 2021” pubblicato dall’Inter-agency Task Force on Financing for Development (che comprende più di 60 agenzie dell’Onu e organizzazioni internazionali), «La pandemia di Covid-19 sta portando a un mondo ancora più nettamente disuguale poiché i progressi nello sviluppo per milioni di persone dei Paesi poveri sono stati annientati»....

Dal Green deal europeo a uno globale

Commissione Ue e Bei: «Il Green deal non è solo una politica ambientale, è una necessità economica e geopolitica»

Il Green deal lanciato dalla Commissione Ue rappresenta un piano da 1000 miliardi di euro per trasformare l’Europa nel primo continente a emissioni nette zero entro il 2050: si tratta di un obiettivo nato per evitare l’evolversi catastrofico della crisi climatica già in corso, ma al contempo rappresenta l’unica concreta opportunità per assicurare alla piccola...

Strage a Cox’s Bazar: un enorme incendio devasta i campi profughi Rohingya

Distrutti più di 10.000 rifugi, 15 morti, più di 400 dispersi e 560 feriti, tra i quali molti bambini

Mentre nella loro patria dalla quale sono stati cacciati, il Myanmar, i militari golpisti continuano a reprimere e uccidere i manifestanti,  i Rohingya che si sono rifugiati in Bangladesh sono stati colpiti da un enorme incendio che ha spazzato via tre siti a Cox's Bazar  gestiti dall'International organization for migration (Iom) che ha privato 45.000...

Fao e Wfp: fame acuta in crescita in oltre 20 Paesi

«Stiamo assistendo allo svolgersi di una catastrofe sotto i nostri occhi»

Il nuovo rapporto “Hunger Hotspots: FAO-WFP early warnings on acute food insecurity”, pubblicato oggi da Fao e World food programme (WfP),  lancia un drammatico allarme: «La fame acuta aumenterà in oltre 20 paesi nei prossimi mesi senza un’assistenza urgente e potenziata». Le popolazioni in Sud Sudan, Yemen e nord della Nigeria rimangono quelle a maggior...

Mozambico: verso un milione di sfollati a Cabo Delgado

Centinaia di migliaia di persone fuggite da una guerra “misteriosa” in una regione devastata dai cicloni

L’United Nations high commissioner for refugees (Unhcr) ha avvertito che è urgente affrontare subito la crescente crisi umanitaria nella provincia di Cabo Delgado, nel Mozambico settentrionale, dove una rivolta islamista in corso ha costretto centinaia di migliaia di persone ad abbandonare le loro case. Gli assistant high commissioners Gillian Triggs e Raouf Mazou, appena tornati...

In 6 mesi 10,3 milioni di sfollati a causa di disastri climatici

Croce rossa e Mezzaluna Rossa: un trend in crescita aggravato dall’epidemia di Covid-19

Secondo il rapporto “Responding to Disasters and Displacement in a Changing Climate”, pubblicato recentementedall’Internal Displacement Monitoring Centre dell’International Federation of Red Cross and Red Crescent Societies (IFRC), negli ultimi 6 mesi nel modo ci sono stati 12,6 milioni di profughi interni, soprattutto a causa di disastri climatici e meteorologici. Una cifra che include 2,3 milioni...

La zona intertropicale diventerà inabitabile entro qualche decennio?

Se non riusciremo a mantenere l’aumento della temperatura entro gli 1,5° C, enormi migrazioni di massa e gravi conseguenze economiche e per la salute umana

Lo studio “Projections of tropical heat stress constrained by atmospheric dynamics”, pubblicato recentemente su Nature Geoscience da Yi Zhang, Isaac Held e Stephan Fueglistaler del Program in Atmospheric and Oceanic Sciences (AOS) della Princeton University, affronta il problema dello stress da caldo nei tropici in un mondo in via di riscaldamento. I ricercatori ricordano che «La capacità degli esseri...

Le 4 guerre mondiali prossime venture per la pesca e le risorse (VIDEO)

In futuro i conflitti per la pesca aumenteranno notevolmente. 4 scenari per aiutare a evitarli

Sembra di leggere un libro di fanta-geopolitica e invece lo studio ”Exploring the future of fishery conflict through narrative scenarios”, pubblicato su OneEarth da un team internazionale di ricercatori guidato da Jessica Spijkers dello Stockolm Resilience Centre della Stockholms universitet e dell’ARC Centre of Excellence for Coral Reef Studies della James Cook University, è un...

Il complesso legame tra clima, cibo e guerre conflitti

In che modo le risorse alimentari possono incidere sui conflitti?

Gli esperti di tutto il mondo concordano sul fatto che cambiamenti climatici e scarsità di cibo contribuiscano a far scoppiare sempre più guerre, soprattutto nei Paesi in via di sviluppo, che sono fortemente dipendenti dall’agricoltura, che  sono i più colpiti dagli impatti dei cambiamenti climatici e che hanno spesso una triste eredità di conflitti. Nonostante...

Germania, successi dei Verdi nel Baden-Württemberg e nella Renania-Palatinato. Ora sognano la cancelleria

Ma con chi governeranno i Verdi nei due Land e a Berlino? La SPD: è possibile governare senza CDU/CSU

In un comunicato i Grünen ringraziano i cittadini del Baden-Württemberg e della Renania-Palatinato che «Hanno votato per una società più sociale e rispettosa del clima. Hanno dimostrato: anche in tempi di pandemia, questi temi sono decisivi per le elezioni». I verdi tedeschi si complimentano con il Ministerpräsident  del Baden-Württemberg  Winfried Kretschmann per il miglior risultato nella...

Popolo Kokama, parla il leader indigeno: «La pandemia è solo l’ultimo attacco alla nostra gente»

«Non vogliamo che Bolsonaro faccia entrare minatori e taglialegna nelle terre indigene perché questo porta solo malattie e distruzione. La foresta non è fonte di denaro ma di vita: siamo a una sorta di sterminio istituzionalizzato»

Furono tra i primi a morire di Covid-19 un anno fa, e i primi a lanciare un appello per cercare di sventare una catastrofe e una strage. Si tratta del popolo indigeno dei Kokama. Il primo caso si verificò nel villaggio brasiliano di São José, nel distretto di Santo Antônio do Içá, nella regione dell'Alto...

Dichiarazione congiunta Usa-Ue per rafforzare l’azione climatica globale

John Kerry: «Non c’è un partner migliore dell’Ue per l’azione climatica»

In una dichiarazione congiunta, John Kerry, inviato speciale Usa per il clima  e la Commissione europea si sono impegnati a «Rinnovare la nostra forte alleanza nello sforzo di affrontare la crisi climatica. Avendo lavorato a stretto contatto per realizzare lo storico Accordo di Parigi, ci impegniamo a garantirne il successo riducendo le nostre emissioni e collaborando...

Mentre lo Yemen muore di fame, continua la guerra del petrolio

Missili e droni Houti contro una raffineria saudita. I sauditi sconfitti a Marib bombardano Sana’a

Nei giorni scorsi, violenti combattimenti hanno provocato almeno 90 vittime su entrambi i fronti in guerra a Marib nello dello Yemen settentrionale, in una regione strategica e ricca di petrolio che gli Houthi sciiti – che cantano vittoria – al potere a Sana’a stanno cercando di strappare alle le forze del governo filosaudita di Mansour Hadi...

8 marzo: per evitare la povertà, occorre maggiore indipendenza economica per le donne europee (VIDEO)

Parità di retribuzione, sostegno all'infanzia e condivisione dei doveri domestici

Le donne del mondo vogliono e meritano un futuro uguale, libero da stigma, stereotipi e violenza; un futuro sostenibile, pacifico, con pari diritti e opportunità per tutti. Per arrivarci, il mondo ha bisogno che le donne siano a ogni tavolo in cui vengono prese le decisioni. Tuttavia, come rivelato nel recente rapporto del Segretario generale dell’Onu, le donne...

Myanmar: rischi di guerra interna e di instabilità nella regione

Ma Cina e Russia proteggono i militari golpisti che sparano sui manifestanti

Il Myanmar è nel caos da quando l'esercito (Tatmadaw) ha preso il potere e ha arrestato la leader del governo eletta Aung San Suu Kyi e gran parte della leadership della National League for Democracy (NLD), che nel novembre 2020 aveva stravinto le elezioni ma, secondo i militari  - che si sono trovati in mano...

Fallimento della conferenza per gli aiuti: una condanna a morte per il popolo yemenita

La comunità internazionale abbandona al loro tragico destino milioni di persone innocenti

Concludendo l’High-Level Pledging Event sullo Yemen, il segretario generale dell’Onu, António Guterres, non ha potuto nascondere tutta la sua amarezza per un esito che ha definito «Deludente» e con «Impegni sono stati inferiori alla risposta umanitaria dello scorso anno e di un miliardo di dollari in meno rispetto alla cifra raccolta nel 2019». Mentre dei Paesi...

Yemen: dall’Ue 95 milioni di euro per gli aiuti alle persone minacciate da guerra e carestia

Drammatico appello Onu; servono 3,85 miliardi di dollari o 16 milioni di persone rischiano la fame

Lo Yemen sta entrando nel settimo anno della guerra “lampo” scatenata dall’Arabia saudita e dai suoi alleati sunniti e occidentali per cacciare gli houthi sciiti dal potere a Sana’a, una guerra che è presto diventata di tutti contro tutti – coinvolgendo le bande jihadiste di Al Qaede e gli indipendentisti sudyemenuti -  e la più...

Il boomerang nucleare del Sahara: polvere radioattiva nei cieli e sul suolo della Francia

Una contaminazione radioattiva perenne nel Sahara di cui la Francia è responsabile per i test nucleari degli anni ‘60

Mentre i venti carichi di polvere del Sahara continuano a sorvolare l'Europa,  le analisi dell’Association pour le Contrôle de la Radioactivité dans l’Ouest (ACRO) hanno dimostrato che la sabbia che ha ricoperto auto, suolo, neve e reso arancione il cielo della Francia contiene residui dell’inquinamento radioattivo dei test n ucleari effettuati dalla Francia negli anni...

Yemen: sono le donne e le ragazze a pagare il prezzo della catastrofe provocata dagli uomini

L’Onu: se non arrivano gli aiuti promessi, milioni di yemeniti sono già condannati a morte

Nei giorni scorsi l’United Nations Office for the Coordination of Humanitarian Affairs (OCHA) ha lanciato un nuovo drammatico allarme: «Lo Yemen rimane la peggiore crisi umanitaria del mondo e la situazione per i milioni di persone colpite si sta deteriorando. Le già fosche prospettive per lo Yemen – guerra in corso, collasso economico e tagli...

In memoria di un ambasciatore, di un carabiniere e di un autista, assassinati nel cuore di tenebra dimenticato dell’Africa

La terza guerra mondiale africana per le risorse della Rdc non è mai finita

Dopo l’assassinio dell’ambasciatore italiano nella Repubblica democratica del Congo (Rdc) Luca Attanasio, del carabiniere Vittorio Iacovacci e dell’autista congolese Mustapha Milambo in un attacco a un piccolo convoglio umanitario del World Food Programme (WFP) nella provincia del  Nord-Kivu, alla solidarietà internazionale verso l’Italia si aggiunge la richiesta di scoprire e trovare i colpevoli, ma potrebbe...

L’ambasciatore italiano in Repubblica democratica del Congo e un carabiniere uccisi in un attacco a un convoglio Onu

Assassinati da una milizia armata che sfrutta le risorse del Parco Nazionale del Monti Virunga?

Il ministro degli esteri italiano, luigi di Maio ha lasciato precipitosamente la riunione del Consiglio europeo, in corso a Bruxelles, per tornare a Roma e seguire da vicino quanto è successo nell’est della Repubblica democratica del Congo (Rdc) dove, in un attacco a un convoglio scorato dalla Mission de l'Organisation des Nations unies pour la...

  1. Pagine:
  2. 1
  3. 2
  4. 3
  5. 4
  6. 5
  7. 6
  8. 7
  9. ...
  10. 77