Onu: partnership globale per Covid e cambiamenti climatici e per raggiungere gli Obiettivi di sviluppo sostenibile

Guterres: solo una vera partnership che ci consentirà di rispondere alla più grande sfida della nostra vita

[31 Maggio 2021]

Al Partnering for Green Growth and the Global Goals 2030” (P4G),  un importante vertice che punta a rafforzare le partnership basate sul mercato e a promuovere azioni politiche e imprenditoriali, il segreatario generale dell’Onu,António Guterres, ha detto in un videomessaggio che «Se i governi abbracciano insieme gli obiettivi dell’eliminazione graduale del carbone, del rafforzamento degli impegni climatici e dell’investimento negli obiettivi globali, c’è un’opportunità per affrontare la più grande sfida della nostra vita».

Per il capo dell’Onu. «Il mondo ha bisogno di una partnership globale per sconfiggere il Covid-19, raggiungere gli Obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) e affrontare il cambiamento climatico.

Il vertice P4G 2021 ha riunito Capi di Stato, amministratori delegati e leader della società civile attorno a un’agenda d’azione condivisa per mobilitare investimenti per un impatto tangibile e Guterres ha ricordato loro che «Sebbene ci siano impegni per raggiungere le emissioni net zero entro il 2050, c’è ancora molto da fare per colmare il gap delle emissioni e raggiungere gli SDG». Il segretario generale dell’Onu ha poi ribadito  la sua richiesta a tutti i principali emettitori di presentare nuovi Nationally Determined Contributions, impegnarsi per le emissioni net zero entro il 2050 e, cosa più importante, mettere in atto politiche e programmi per raggiungere tale obiettivo. Affrontare il cambiamento climatico in modo diretto aiuterà a proteggere le persone più vulnerabili dalla prossima crisi, sostenendo nel contempo una ripresa ricca di posti di lavoro dalla pandemia. La prima priorità in questo momento è fermare i piani per le nuove centrali a carbone e la attuare la  phase-out  del consumo di carbone entro il 2040».

Guterres ha poi elogiato la Corea del sud per aver annunciato che bloccherà tutti i sui finanziamenti internazionali al carbone e ha incoraggiato altri governi e il settore privato a fare lo stesso.

Il capo dell’Onu ha anche espresso la sua preoccupazione per i  gap finanziari e di adattamento e ha ricordato che «I Paesi sviluppati devono ancora mantenere l’impegno annuale di 100 miliardi di dollari per gli sforzi di azione per il clima e per sostenere le comunità vulnerabili che stanno già soffrendo le conseguenze del riscaldamento globale. A livello globale, una persona su tre non è ancora adeguatamente coperta dai sistemi di allerta precoce e le donne e le ragazze, che rappresentano l’80% degli sfollati a causa dell’emergenza climatica, sono ancora spesso escluse dalle decisioni per affrontare la crisi climatica. Abbiamo urgente bisogno di una svolta in materia di adattamento e resilienza» e per questo ha chiesto a tutti i Paesi donatori di migliorare significativamente i loro impegni finanziari.

Nel suo messaggio, Guterres ha sottolineato «L’importanza di finanziare le “infrastrutture di domani” sostenendo i paesi in via di sviluppo in una transizione giusta verso l’energia sostenibile e un’economia circolare, aiutandoli a diversificare le loro economie. In breve, abbiamo bisogno di una partnership globale per uno sviluppo verde, inclusivo e sostenibile. Non esiste una partnership globale se alcuni vengono lasciati a lottare per sopravvivere e questo vale sia per il Covid e la distribuzione dei vaccini che per l’emergenza climatica».

Il segretario generale dell’Onu ha concluso: «In questa ricerca, la Repubblica di Corea è un partner leader. Mi complimento col suo governo per il suo impegno net zero al 2050 e per il Green New Deal coreano e, se i governi abbracceranno gli stessi obiettivi, ci sarà un’opportunità per una vera partnership che ci consentirà di rispondere alla più grande sfida della nostra vita».