[23/01/2008] Aria

Le Province italiane insieme al Rina per raggiungere gli obiettivi di Kyoto

LIVORNO. Le Province italiane si candidano a divenire il fulcro delle politiche di contrasto al cambiamento climatico in Italia, sfruttando da un lato la dimensione territoriale ottimale (né troppo grande né troppo piccola) che gli conferisce un vantaggio sia rispetto ai Comuni che alle Regioni, dall’altro la conoscenza approfondita della realtà locale e la capacità di delineare soluzioni ed interventi di riduzione dei gas serra in tempi rapidi.

Per raggiungere questo obiettivo e definire le migliori strategie enrgetiche le province avranno la possibilità di avvalersi dell’esperienza sviluppata dal Rina: collaborazione scancita dal protocollo firmato stamani dal Vice Presidente Upi, Massimo Rossi, e dal Direttore della Divisione Certificazione e Servizi di Rina S.p.A., Domenico Andreis, in assoluto il primo protocollo del genere in Europa.

Obiettivo del testo firmato questa mattina è anzitutto che ciascuna Provincia possa redigere il Bilancio delle emissioni di gas serra del proprio territorio. Potranno cioè essere analizzate secondo modelli e metodiche riconosciute a livello internazionale le fonti principali di emissione (ad esempio i trasporti pubblici e privati, gli impianti che generano energia, ecc. ecc.) ed i principali fattori di riassorbimento dei gas (ad esempio boschi, foreste, ecc.), potranno inoltre essere individuate le potenzialità di riduzione, consentendo così il raggiungimento degli obiettivi stabiliti nel Protocollo di Kyoto.

Le Province inoltre potranno calcolare l’incidenza di settori di rilevanza critica come la mobilità, i trasporti, il riscaldamento civile, lo smaltimento dei rifiuti, al fine di mettere in atto misure compensative anche attraverso gli strumenti amministrativi e normativi a loro disposizione.

Il Protocollo prevede la creazione di strumenti attuativi comuni tra enti locali e imprese presenti sul territorio per valutare la quantità di emissioni derivanti dalle attività gestite nel territorio e mettere in atto gli strumenti di compensazione, come la piantumazione di nuovi alberi e la riforestazione.

Torna all'archivio