[23/01/2008] Parchi

Il parco dell’Arcipelago in azione inizia dagli uccelli marini

PORTOFERRAIO (Livorno). Iniziano il 27 gennaio gli appuntamenti nei comuni dell’Arcipelago toscano per far conoscere il territorio del parco nazionale e le iniziative di gestione e tutela messe in atto dall’ente parco, che comprenderanno anche interventi di volontariato per la pulizia di sentieri e di spiagge. Iniziative che vengono raccolte sotto lo slogan “appuntamenti nel parco: Il Parco in azione. Azioni per il Parco.

Il primo incontro si intitola “a spasso nel parco: ali sul mare” e riguarderà l’avifauna marina. Un esperto, Paolo Sposimo, presenterà l’argomento al teatro comunale di Rio nell’Elba alle ore 10.00.

«Si parlerà delle specie di uccelli marini dell’Arcipelago Toscano – spiega una nota dell’Ente parco - tra i quali il più raro e di grande importanza conservazionistica è il Gabbiano corso, le cui popolazioni sono in declino in Italia, nonostante gli sforzi per salvaguardare questa specie, anche a causa della crescente presenza del Gabbiano reale che mostra un comportamento alimentare fortemente influenzato dalla presenza di discariche. Vi sono quindi la Berta maggiore e la più rara Berta minore, due procellarie che trascorrono le giornate in mare aperto sfruttando la risacca delle onde per approvvigionarsi di pesce. Il Marangone dal ciuffo lo si osserva ad ali aperte sugli scogli, si avvicina anche nei porti, perlustra sott’acqua mentre galleggia tra le onde e poi scompare. Lungo le falesie si può assistere alle picchiate del Falco pellegrino e alle sue evoluzioni acrobatiche in lotta con i Gabbiani reali e i neri Corvi imperiali, che fondano la loro abilità alimentare sulla rapina di prede sottratte ad altri uccelli in volo o sulle razzie ai nidi».

Dopo la presentazione i partecipanti si sposteranno in auto a Nisportino per effettuare un’escursione a Punta dei Mangani, nei pressi di Monte Grosso, lungo la quale si osserverà l’habitat costiero. Una guida del Parco condurrà il gruppo e illustrerà le caratteristiche del territorio. La partecipazione è gratuita e aperta a tutti

Torna all'archivio