[10/03/2008] Energia

D´Angelis sul Pier: «La nostra Regione deve correre per mettersi al passo con l’Europa»

FIRENZE. Siamo pronti al varo del Piano energetico regionale, in piena sintonia con gli obiettivi annunciati dal presidente Martini e dall’assessore Bramerini. Finalmente, dopo troppi anni di stallo, la Toscana comincia a correre per mettersi al passo con le performance di molte Regioni europee. Siamo alla svolta energetica che occorre alla Toscana con un Piano impegnativo per tutti – cittadini, famiglie, imprese, istituzioni - centrato sulle strategie dell’efficienza e del risparmio energetico, sulla diversificazione delle fonti di approvvigionamento, sul massiccio ricorso all’energia pulita proveniente oltre che dalla geotermia ambientalizzata, da varie fonti rinnovabili (eolico, solare, biomasse, idroelettrico).

La nostra Regione può puntare sulla nascita di un distretto industriale impegnato nella ricerca e nella produzione di impiantistica per le rinnovabili in un’alleanza tra saperi, ricerca, innovazione, creatività, talenti e risorse del nostro territorio. Tutto ciò ci consentirà di rispettare gli impegni internazionali alla riduzione delle emissioni climalteranti e gli obiettivi europei.

Un aspetto prioritario del Piano, che risponde alla forte domanda sempre più crescente sarà quello della semplificazione delle norme e dei regolamenti, mettendo fine a vincoli paradossali che fino ad oggi hanno impedito lo sviluppo di settori come l’eolico o il solare termico e fotovoltaico. La nostra grande opportunità energetica deriva poi dall’utilizzo del gas con le potenzialità del metanodotto Galsi che raggiungerà Piombino dalle coste algerine passando dall’Elba, dove è prevista la metanizzazione, e che dovrà spingere Enel alla conversione da olio a metano delle due centrali di Piombino e Livorno.


*presidente della commissione Territorio e Ambiente del Consiglio Regionale

Torna all'archivio