[21/08/2008] Energia

Casaclima a Firenze: risparmio energetico e scatole del tempo

FIRENZE. «E’ ora di finirla con il nostro fabbisogno di petrolio, gas e carbone. Si può cambiare, ma per farlo, al di là di ciò che possiamo fare noi, è fondamentale che i cittadini risparmino. E’ fondamentale che cambino le proprie abitazioni, ristrutturandole meglio e mettendoci in condizione di non gettare via l’energia: ciò che vediamo è un tentativo di dimostrare che si può tenere il fresco d’estate e il caldo d’inverno semplicemente cambiando e stando più attenti a come vengono costruite o ristrutturate le case».

Queste le dichiarazioni che il Presidente della provincia di Firenze Matteo Renzi ha affidato al sito Youtube riguardo all’installazione – avvenuta ieri - dei due blocchi di ghiaccio da un metro cubo ciascuno in piazza della Repubblica a Firenze: uno all’aperto, e uno contenuto all’interno della piccola “Casaclima” prodotta dall’omonima azienda altoatesina.

Obiettivo della Provincia (in attesa di un vero Piano energetico provinciale e dell’approvazione del nuovo Regolamento edilizio del comune di Firenze, che dovrebbe vedere la luce in settembre e che dovrebbe aprire le porte all’obbligo per tutti i nuovi edifici di uniformarsi alla classe A di efficienza energetica) è dimezzare l’utilizzo di combustibili fossili del 50% entro il 2015.
Si tratta quindi di un fine ancora più ambizioso rispetto al noto 20-20-20 entro il 2020 che costituisce obiettivo del Pier toscano, recentemente approvato in ottemperanza agli obiettivi europei.

Secondo il direttore dell’agenzia Casaclima di Bolzano, Norbert Lantschner, «una Casaclima di classe Oro come quella che è stata posizionata riesce a eliminare lo spreco energetico nella dimensione del 90%»: mentre il primo blocco di ghiaccio, quello all’aperto, e già in fase di avanzato scioglimento e si prevede che non arriverà al prossimo fine settimana, all’interno della piccola casa il secondo blocco resterà sigillato fino al 5 settembre, giorno in cui avverrà l’apertura.

L’iniziativa fa seguito alla convenzione che Firenzenergia, agenzia fiorentina per l’efficienza energetica, ha stipulato il 17 luglio scorso con Casaclima per la certificazione energetica degli edifici fiorentini: l’agenzia a capitale pubblico, partecipata da Provincia, comuni di Scandicci e Sesto fiorentino e comunità montana del Mugello, attiverà da novembre in poi dei corsi di formazione sul risparmio energetico e bioedilizia.

E’ interessante notare che, sia pure nella scientificità delle previsioni di risparmio energetico, nessuno è effettivamente in grado di calcolare con precisione se (e in che percentuale rispetto al volume iniziale) il blocco di ghiaccio contenuto nella casa resisterà fino al 5 settembre: da qui il senso della scommessa a cui sono chiamati a partecipare tutti gli interessati, con l’obiettivo di dire con maggiore precisione possibile quanto ghiaccio sarà rimasto all’apertura della casa coibentata. I premi messi in palio consistono in tre consulenze gratuite che Firenzenergia fornirà a coloro che più si sono avvicinati alla effettiva percentuale di ghiaccio rimasta, consulenze che hanno un valore commerciale di 300-400 euro l’una. La spesa per le operazioni di efficientazione, variabile, si aggira tra i 25 e i 150 euro al metro quadro di superficie trattata, e le operazioni relative possono essere messe in atto anche in fase di ristrutturazione di edifici già esistenti.

Ci troviamo quindi davanti ad una operazione promozionale, finalizzata alla sensibilizzazione della cittadinanza verso la necessità del risparmio energetico a fini di equilibrio climatico e risparmio economico, peraltro con infrastrutture limitate (una casupola, un pancale, uno staff ridotto) che causeranno spese altrettanto limitate: la piccola Casaclima installata nel centro di Firenze, nel suo totale sigillamento, ci ricorda per certi versi quelle “scatole del tempo” che in passato venivano lasciate nelle fondamenta degli edifici in costruzione, per lasciare testimonianza ai posteri di alcuni simboli importanti per le vite delle persone di quell’epoca.

Torna all'archivio