[01/10/2008] Rifiuti

Provincia di Firenze, intervento dei Verdi sull´inceneritore di Selvapiana

FIRENZE. I Verdi in provincia sostengono le preoccupazioni di comitati e associazioni ambientaliste e tornano ad attaccare l’amministrazione guidata da Matteo Renzi questa volta sul tema dei rifiuti «Le preoccupazioni del mondo ambientalista e del Comitato Valdisieve sono le nostre - affermano Luca Ragazzo, capogruppo dei Verdi in Consiglio provinciale, Tommaso Grassi e Annalisa Pratesi, Portavoce provinciali Verdi di Firenze - Da tempo sosteniamo le medesime cose in pieno accordo con i cittadini della Valdisieve: gli impianti sono ovviamente necessari per lo smaltimento residuale dei rifiuti indifferenziati, ma č necessario che essi siano ridotti al minimo, come numero e come dimensioni, intervenendo a monte con un capillare lavoro di riduzione dei rifiuti e raccolta differenziata, che l’Amministrazione provinciale, guidata da Matteo Renzi, si č rifiutata sistematicamente di promuovere e sostenere».

«Inoltre - continuano gli esponenti dei Verdi- si devono valutare le alternative tecnologiche all’incenerimento tradizionale e porre attenzione a non creare, con localizzazioni infelici, impatto su aree di pregio ambientale, agricolo e paesaggistico, come nel caso di Selvapiana o fragili dal punto di vista idrogeologico (siamo in una cassa di espansione fluviale). I Verdi in provincia – concludono - continueranno ad incalzare l´Amministrazione, non solo con le critiche ma con, coerenti e documentate, controproposte alternative».

Aspettando controproposte alternative che siano praticabili e valide in termini di efficienza e capacitŕ di volumi da trattare (ricordiamo che stiamo sempre esportando rifiuti fuori Ato), č necessario ribadire che una corretta pianificazione deve partire da un impegno cogente per la riduzione dei rifiuti e per la raccolta differenziata ed č stato giusto sottolineare come a livello di Ato toscana centro i termovalorizzatori siano troppi e probabilmente non sempre correttamente ubicati.

Torna all'archivio