[06/10/2008] Comunicati

Ambiente precario!

ROMA. Siamo, o meglio eravamo circa 50 giovani funzionari del Ministero dell┤Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare assunti con regolare concorso, formati e immessi in servizio con contratti a tempo determinato tra il 2002 e il 2004.

Ci siamo occupati, con riconosciuta competenza, della programmazione comunitaria dei Fondi Strutturali, e di molti altri aspetti tecnico-ambientali, amministrativi ed internazionali legati alle funzioni ed ai compiti ordinari del Ministero, con un contratto equiparato nelle funzioni e nel trattamento economico al livello C2.

Allo scadere del nostro contratto tuttavia non Ŕ stato applicato quanto previsto dal comma 519 della finanziaria 2007. Mentre i nostri colleghi (circa 80) assunti con lo stesso concorso ed operanti presso le regioni del sud Italia, sono stati stabilizzati, in quanto Ŕ stato riconosciuto loro il diritto stabilito dalla Finanziaria 2007, il Ministero, dopo aver emanato un elenco definitivo degli aventi diritto, tra cui appunto i sottoscritti, si Ŕ astenuto da ogni ulteriore azione concreta, A diversi colleghi dopo anche sei anni di servizio non Ŕ stato dato alcun contratto, gli altri hanno ottenuto solo dei brevi contratti di collaborazione.

Chi tra noi si Ŕ mosso attraverso le vie legali per vedere riconosciuto il proprio diritto ha riscontrato un vero e proprio accanimento giudiziario da parte dell┤amministrazione.

Viceversa molte altre Amministrazioni pubbliche centrali e locali si sono mosse per tutelare le risorse umane precarie. Noi ex funzionari del Ministero dell┤Ambiente avremmo pieno diritto alla stabilizzazione e questa non lederebbe nÚ i principi costituzionali di accesso al servizio pubblico nÚ le regole di paritÓ di accesso di tutti i cittadini nÚ il sacrosanto principio di meritocrazia. Nulla per˛ si muove, anzi emendamenti antiprecari inseriti nella nuova finanziaria potrebbero porre una pietra tombale sulle nostre speranze e sulle nostre legittime aspettative lavorative.


*Ex funzionari del Ministero dell┤ambiente con diritto alla stabilizzazione

Torna all'archivio