[04/12/2008] Comunicati

Contabilità ambientale: Pd e Verdi presentano insieme una proposta di legge

ROMA. Dal convegno di oggi su "ContabilitàAmbientale- A che punto siamo? L´Unione Europea ed il ritardo dell´Italia sul pacchetto clima",organizzato dal Comitato promotore per la legge di bilancio ambientale in collaborazione con i Verdi e con i gruppi parlamentari del Partito democratico nella Commissione ambiente e nella Commissione bilancio della Camera, è venuta fuori una proposta di legge per l´introduzione della contabilità e del bilancio ambientale nel nostro Paese.

«La proposta legge – spiegano i Verdi - riprende il disegno di legge delega approvato dal governo prodi nella scorsa legislatura ed il cui iter parlamentare fu interrotto dallo scioglimento anticipato della legislatura.Se l´Italia si fosse già dotata dello strumento della contabilità ambientale la stessa polemica tra il governo e l´Unione Europea non avrebbe avuto ragione d´essere in quanto proprio gli strumenti di contabilità ambientale avrebbero consentito un´analisi tecnica e finanziaria dei costi basata su tecniche e strumenti scientifici e precisi».

Il disegno di legge, con il Pd da una specie di "diritto di tribuna" ai Verdi che riconosce il ruolo svolto su questo argomento dall´ex parlamentare Paolo Cento (Nella foto) e che riprende il progetto di legge sulla stessa materia che aveva predisposto il governo Prodi (vedi in archivio di greenreport), prevede «l´individuazione di indicatori ambientali e di tecniche finanziarie in grado di misurare e valutare le variabili ecologiche dello sviluppo economico attraverso una completa valutazione dei costi e dei benefici. Il sistema di contabilità e bilancio ambientale per essere efficace deve affiancare i consueti strumenti di previsione del consuntivo dello stato, delle regioni e degli enti locali. Attraverso un´applicazione sperimentale è possibile calcolare già il debito ambientale nel protocollo di Kyoto: tale debito corrisponde ad una cifra finanziaria al 31 dicembre 20012 di circa 12,5 miliardi di euro ed una stima a carico dei settori industriali di circa 1,6 miliardi di euro».

Al convegno, introdotto proprio da Cento, hanno partecipato il ministro dell´Ambiente del governo ombra del Pd Ermete Realacci, Alessandro Bratti della Commissione Ambiente della Camera, Maino Marchi della Commissione Bilancio, Massimo Serafini della segreteria di Legambiente e Massimo Gaiani coordinatore dell´ufficio di segreteria del Comitato interministeriale affari comunitari europei,. I lavori sono stati conclusi dalla portavoce nazionale dei Verdi Grazia Francescato.

Torna all'archivio