[21/06/2006] Parchi

Sequestrati 50 km di spadare nel basso Tirreno

ROMA. Nuovo maxi sequestro di reti pirata effettuato da Guardia costiera e Capitanerie di porto di Napoli, Reggio Calabria e Palermo nel basso Tirreno. «In una sola notte sono stati sequestrati ben 50 km di rete spadare – dice Sebastiano Venneri, responsabile Mare di Legambiente – un dato impressionante che ribadisce che siamo di fronte ad una vera e propria emergenza. Già adesso, con la stagione della pesca appena avviata i chilometri di rete sequestrata arrivano alla metà di quelli sequestrati nell´anno passato. Gli 800 km del 2005 erano già indicativi del fatto che eravamo di fronte ad una vera e propria recrudescenza del fenomeno spadare».

A favorire questa situazione sarebbe anche la serie di provvedimenti normativi che hanno generato false aspettative nei pescatori, in particolare l´ultimo provvedimento del neo ministro delle politiche agricole De Castro. «La normativa sull’uso delle reti – sottolinea Venneri – stabilisce preoccupanti contiguità tra attrezzi di pesca leciti e non leciti, sulle quali giocano i ‘bracconieri’ del mare. Ribadiamo la necessità di un’operazione straordinaria di controlli a tappeto e segnali inequivocabili di ferma repressione del fenomeno».

Torna all'archivio