[24/07/2006] Rifiuti

400 milioni di euro per i rifiuti della Sicilia

ROMA. Maxi accordo per il governo dei rifiuti in Sicilia. E’ di oggi l’intesa fra la Sicil Power spa, del gruppo Waste Italia, ed una cordata di banche per giungere al finanziamento del sistema di gestione integrata dei rifiuti per il bacino di Catania e Messina che smaltirà 700 mila tonnellate all’anno di rifiuti urbani.

Il piano di Sicil Power prevede la realizzazione di stazioni di trasferenza, di impianti di trattamento dei rifiuti, di una discarica di servizio e di un termovalorizzatore con una capacità di smaltimento di 400.000 tonnellate all’anno di frazione secca e una produzione di circa 375 milioni di kWh all’anno di energia elettrica che sarà immessa nella rete di trasmissione nazionale.

A concedere il finanziamento, per una operazione che ammonta a circa 400 milioni di euro, sono state Banca Intesa Infrastrutture e Sviluppo, Cassa Depositi e Prestiti, Banco Bilbao Vizcaya Argentaria e MPS Banca per l’Impresa.

L’accordo di oggi rappresenta per Sicil Power «un decisivo passo avanti verso la realizzazione di un progetto ambizioso per la riqualificazione ambientale dell’isola su cui la Regione Sicilia ha investito molto». L’azienda del gruppo Waste Italia ricorda che «fino a un paio di anni fa la Sicilia aveva ben 375 discariche e la raccolta differenziata si attestava al 5% circa». «Oggi – conclude – sono stati costituiti gli Ato e si sta dando inizio alla raccolta dei rifiuti riciclabili e alla realizzazione degli impianti. L’attuazione del nuovo piano di gestione integrata dei rifiuti, voluto dalla struttura commissariale della Regione si stima che porterà presto la Sicilia ad una gestione ambientale conforme agli standard nazionali e europei».

Torna all'archivio