[19/12/2006] Energia

Fotovoltaico, Umbria virtuosa per gli impianti tra i 20 e i 50 kWp

PERUGIA. I dati nazionali diffusi dal Gestore servizi elettrici aggiornati al primo dicembre scorso, collocano la regione Umbria al primo posti in Italia per la media di chilowatt prodotti per ogni impianto installato e al quarto assoluto per energia totale prodotta. Risultati ottenuti soprattutto per la presenza di Terni Research Energy SpA: su un totale di 1,07 MW di energia fotovoltaica prodotta in Italia nella fascia tra i 20 e i 50 kWp attraverso i benefici del "Conto Energia", gli impianti Terni rappresentano il 24,5 per cento della produzione nazionale con 263 kW di energia elettrica prodotta, trascinando il valore assoluto regionale della media di produzione per impianto (22,5 kWp) al primo posto (seguono Campania e Sicilia).

In pratica quindi gli impianti umbri si distinguono per avere una potenza superiore a quelli delle altre regioni italiane, dove pure è più alto il numero totale degli impianti di piccole dimensioni installati (vocati però, prevalentemente alla funzione di autoconsumo e non all´immissione nella rete nazionale di distribuzione dell´energia prodotta, contribuendo a un saldo ambientale attivo della produzione di energia da fotovoltaico).

«Questi dati - afferma l’amministratore delegato di Terni Paolo Ricci - confermano la validità del nostro progetto industriale e il ruolo virtuoso, sul versante energetico delle fonti rinnovabili e pulite, svolto dalla nostra azienda sul territorio. Basti pensare che, senza gli impianti di Terni, l´Umbria avrebbe avuto appena 52 kWp di potenza installata con l´incentivo del "Conto Energia" invece dei 317 attuali che la collocano al quarto posto assoluto in Italia nel totale delle tre fasce di impianti».

Entro la fine del 2006, Terni Research Energy SpA avrà realizzato impianti fotovoltaici autorizzati e ammessi all´incentivo per complessivi 800 kWp, portandone in esercizio un quantitativo compreso tra i 600 e i 700 kWp totali e centrando l´obiettivo previsto nel piano industriale 2006, con un fatturato superiore ai 5 milioni di euro.

I dati sono certificati dal Gse attraverso il sistema informatico Atlasole, l´atlante che rileva il numero, la collocazione, la produzione energetica degli impianti fotovoltaici entrati in esercizio e ammessi all´incentivazione, attraverso il quale risulterà possibile confrontare e monitorare nel tempo quanti impianti ammessi alla data di riferimento all´incentivazione verranno effettivamente realizzati.

Torna all'archivio